Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

Maledetta Cellulite In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||
La “cellulite”, è una condizione che colpisce tra l'80 e il 95% delle donne in età fertile, si accompagna spesso a strati di adiposità localizzata, sebbene possa manifestarsi tanto nelle donne obese, quanto in quelle normolinee o magre.
Le zone più frequentemente colpite da fenomeni di adiposità localizzata variano tra i due sessi. Gli uomini manifestano solitamente la cosiddetta "obesità di tipo androide o a mela" (massa adiposa concentrata nel viso, nel collo, nelle spalle e soprattutto nell'addome, al di sopra dell'ombelico) che si associa, tra l'altro, a livelli più alti di glicemia, trigliceridi e pressione arteriosa; nelle donne prevale invece l'obesità di tipo ginoide o a pera (massa adiposa concentrata nelle anche, nelle natiche, nelle cosce e nell'addome, al di sotto dell'ombelico). Per adiposità localizzata s’intende un tessuto costituito da cellule adipose sane, normali: questo tessuto è più o meno localizzato ed è responsabile di inestetismi come la pancetta e le maniglie dell’amore.

Può sembrare strano, ma quello che oggi è un inestetismo una volte invece era un fattore di bellezza: tra il sedicesimo e il diciassettesimo secolo infatti le donne abbondanti, floride e con molta cellulite erano considerate simbolo di femminilità e prosperità.

La cellulite colpisce il 90% della popolazione femminile e molto spesso viene indicata solo come uno spiacevole inestetismo. In realtà è una vera e propria malattia del tessuto sottocutaneo, si tratta infatti di un’alterazione che impedisce il normale scambio di sostanze nutritive, dei liquidi e dalle scorie, cioè di materiali di scarto prodotti dall’organismo che non vengono allontanati.

Esistono diversi tipi di cellulite. Si inizia con la cellulite edematosa che è quella al primo stadio e che si riconosce perché la pelle, nei punti critici, è pastosa e se pizzicata genera un effetto “bucherellato" sulla superficie simile alla buccia di un’arancia. Le sue origini sono dovute a disfunzioni ormonali, costituzionali ed ereditarie. La cellulite edematosa è causata da una perdita di elasticità dei vasi sanguigni che irrorano il tessuto adiposo causando il ristagno dei liquidi. La cellulite fibrosa è il secondo stadio della cellulite: se si stringe la pelle fra le mani, il suo aspetto appare come quello di un sacchetto pieno di biglie, con protuberanze abbastanza evidenti. Questa forma di cellulite è dovuta ad un ristagno di liquidi costante che crea una sofferenza per il tessuto adiposo e che lo rende quindi fibroso e rende la pelle dura al tatto. La cellulite sclerotica si riconosce immediatamente perché, anche se non compressa, la pelle presenta avvallamenti e protuberanze come un sacchetto di noci; inoltre comprimendo le zone colpite si proverà dolore e si avvertiranno gli strati profondi sottocutanei inspessiti.

Dimagrire, seguendo una dieta sana e facendo regolare esercizio fisico, è probabilmente il modo più efficace per combattere la cellulite. Perdere peso e rafforzare i muscoli delle gambe, delle cosce e dei glutei può migliorare anche di molto l’estetica della pelle, ma la prima arma, semplice e nello stesso tempo particolarmente efficace contro la cellulite, è l’acqua.

L'acqua deve diventare una fedele compagna e come tale va portata sempre con sé. Bisogna consumare almeno un paio di litri di acqua al giorno e in generale è buona regola aumentare le dosi quando il colore delle urine è troppo scuro e/o di cattivo odore, per esempio nel periodo estivo o più in generale quando si fa sport e si suda molto.

Le varie creme anticellulite che sono sul mercato contengono molti ingredienti diversi, come vitamine, minerali, estratti erboristici e antiossidanti. Particolarmente efficace risulta essere una crema ad alta concentrazione di Levotiroxina ed Escina, in concentrazioni diverse - 1:3 esattamente - venduta esclusivamente in farmacia con un’unica controindicazione importante: l’intolleranza allo iodio da parte della paziente.

Particolare attenzione, anche nello stadio iniziale edematoso, va riservata alla dieta, sempre combinata con l’assunzione smodata di acqua oligominerale: prediligere frutta e verdura e in particolare quella ricca di acido ascorbico, vitamina capace di proteggere i capillari sanguigni.

Gli alimenti più ricchi di questa sostanza, meglio conosciuta come vitamina C, sono: alcuni frutti freschi come agrumi, ananas, kiwi, fragole, ciliegie; alcune verdure fresche come lattuga, radicchi, spinaci, broccoletti; ortaggi quali broccoli, cavoli, cavolfiori, pomodori, peperoni e patate, meglio se novelle.

È importante cercare di evitare le bevande alcoliche e quelle zuccherate che incidono negativamente sullo stadio della patologia; fondamentale rimane l’abuso smodato di acque oligominerali o minimamente mineralizzate.

 

Maledetta Cellulite
   
Pubblicato in Il blog del Dr. Lattanzi
Etichettato sotto
Giulio Lattanzi

Il dottor Giulio Lattanzi è il titolare della farmacia comunale “Le Fornaci” di Marsciano. Negli anni ha fatto della prevenzione, l’informazione e l’educazione alla salute una vera missione di vita. Cura anche un blog https://farmacialefornaci.wordpress.com/

Altro in questa categoria: « La febbre