Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

La febbre In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||
Si dice che un bambino ha la febbre quando la temperatura del corpo supera i 37,1°C sotto le ascelle o i 37,7°C misurandola con il termometro adatto, o nel retto o sotto la lingua o attraverso i termometri auricolari

La febbre è il mezzo utilizzato dal nostro organismo per combattere le infezioni o i microorganismi patogeni che ci attaccano dall’ambiente esterno e per gli adulti la mia visione è sempre quella che la febbre è un sintomo e non va considerata o trattata come una malattia.

Quando nel bambino la febbre non supera i 38,5°C e il piccolo non risulta sofferente, è meglio non trattarla subito, ma attendere almeno 24 ore sorvegliandolo attentamente senza bisogno di ricorrere ai farmaci, tranne il caso in cui il nostro piccolo abbia avuto episodi precedenti di convulsioni febbrili: allora è opportuno chieder consiglio al pediatra su cosa fare. È importante non coprire molto il piccolo e non forzarlo a mangiare, ma piuttosto obbligarlo ad assumere liquidi: acqua, succhi di frutta e magari brodo di carne. Nei lattanti non è necessario sospendere l’allattamento al seno. Quando è necessario impiegare un farmaco è preferibile il paracetamolo, farmaco oramai testato e tollerato, attenendosi al dosaggio di 10-15 mg/kg ogni 6-8 ore e facendo attenzione a non somministrare più di 60 mg per kilogrammo di peso corporeo nell’arco della giornata. Qualora la febbre non dovesse diminuire dopo 24 ore è possibile impiegare un altro principio attivo, l’ibuprofene, anche questo tollerato e presente in supposte e sciroppo, attenendosi al dosaggio di 20-30 mg/kg ogni 6-8 ore.

Mai impiegare acido acetilsalicilico (aspirina), perché questo farmaco può causare effetti indesiderati gravi.

Qualora nell’arco di due giorni non si evidenzino miglioramenti è importante consultare il pediatra.


Leggi anche "Come convivere con un malato di Alzheimer" qui

Leggi anche "Errori al mattino" qui

Leggi anche "La qualità del sonno" qui

Leggi anche “Errori a tavola, cosa e come migliorare” qui

Leggi anche "Gli effetti benifici della Curcuma" qui

Leggi anche "Olivo (Olivum)" qui

Leggi anche "Il Cacao" qui

Leggi anche "Cellulite" qui

Leggi anche "Griffonia Simplicifolia" qui

Leggi anche "Cumino Nero" qui

Leggi anche "Sole, sport, Vitamina D e tintarella" qui

Leggi anche "Biancospino" qui

Leggi anche "I grani Antichi" qui

Leggi anche "Il carciofo" qui

Leggi anche "Il mirtillo" qui

Leggi anche "I luoghi comuni sulla nutrizione" qui

Leggi anche "Ritorno al passato..." qui

Leggi anche "Sport e alimentazione" qui

Leggi anche "Fagioli Azuki" qui

Leggi anche "E tombola sia" qui

Leggi anche "Omega 3" qui

Leggi anche "I semi di chia" qui

Leggi anche  "Gli asparagi" qui

Leggi anche  "Cocco" qui

Leggi anche  "Tutti i benefici delle bacchi di goji" qui

Leggi anche  "Perchè utilizzare l'aerosolterapia, quali i vantaggi?" qui

Per saperne di più vai su https://farmacialefornaci.wordpress.com/

 

La febbre
   
Pubblicato in Il blog del Dr. Lattanzi
Etichettato sotto
Giulio Lattanzi

Il dottor Giulio Lattanzi è il titolare della farmacia comunale “Le Fornaci” di Marsciano. Negli anni ha fatto della prevenzione, l’informazione e l’educazione alla salute una vera missione di vita. Cura anche un blog https://farmacialefornaci.wordpress.com/