Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

16 luglio / Robert Glasper / Cassandra Wilson

Vota questo articolo
(0 Voti)
1574
0
0
Dal black undergound americano a Billie Holiday

Due concerti che lasciano l’impronta sul sesto giorno di Umbria Jazz. Ad aprire la sera Al Santa Giuliana uno dei più straordinari e innovativi musicisti del panorama internazionale, che rappresenta forse l'archetipo del moderno musicista della scena black underground americana, Robert Glasper. Vincitore del GRAMMY AWARD del 2013 nella categoria "Best R&B Album" con il suo quinto lavoro "Black Radio", ieri sera Glasper è tornato a Umbria Jazz in trio per presentare il suo nuovo album uscito a giugno dal titolo Covered, registrato live al Capitol Studios. Un concerto emozionante e allo stesso tempo divertente, con improvvisazioni e “scherzi” tra i musicisti, che si sono esibito in una musica che al jazz accosta con gusto le influenze della moderna black music. Infatti il suo progetto Experiment lo ha visto proporre al pubblico una musica caratterizzata da una costante e personale rivisitazione e fusione delle tradizioni soul, R&B, hip-hop impreziosita dalla grande creatività nell'improvvisazione più propriamente jazzistica, mentre ieri sera, con Vicente Archer al basso e Damion Reid alla batteria, Glasper è tornato al jazz più puro e intimo, con un repertorio composto principalmente da cover di artisti tra i preferiti dello stesso Glasper: Radiohead, Joni Mitchell, Jhene Aiko, John Legend, Kendrick Lamar. Anche se non sono mancati tuttavia alcuni brani originali composti per l'occasione. Un’esibizione coerente ma mai banale, dove tutto si è incastrato alla perfezione

Dopo Robert Clasper è stato il turno di una leggenda della musica black, Cassandra Wilson, la quale ha portato sul palco il suo tributo a Billie Holiday. A Perugia infatti ha presentato il suo ultimo lavoro in uscita nel 2015, "Coming forth by day", disco-tributo a una delle sue fonti di ispirazione, Lady Day. Un concerto potente ed emozionante, in cui la Wilson ha dimostrato tutte le sue immense doti vocali. Spalleggiata dalla sua band, ha domato il palco come solo le grandi sta sanno fare. È stato un piacere - e il pubblico lo ha dimostrato più volte - poter apprezzare una grande interprete di questo calibro

  • Photographer: Valerio Buonumori
  • License: All Rights Reserved
Valerio Buonumori

Perugino doc e di bella presenza (la modestia è una delle sue doti principali) non ha mai cercato di domare i suoi ricci. Responsabile web di PM e tuttofare per indole non perde occasione per aprire bocca e dire la sua. Considerato in peso-forma è in realtà un falso magro, amante della musica, se bella, del cibo e del vino bianco alla giusta temperatura