Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

14 luglio / Branford Marsalis Quartet / Melody Gardot In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)
6298
0
0
Le voci di Elling e Melody Gardot protagoniste ieri al Santa Giuliana
La voce. Il jazz cantato in modo divinamente. Ecco a che si è assistito ieri sera all'Arena Santa Giuliana. Da una parte la voce passionale di Kurt Elling accomapgnato dal sax potente di Branford Marsalis, dall'altra una ragazza, Melody Gardot, capace di rialzarsi nella vita ed arriva ad essere una delle stelle più brillanti del panorama mondiale. Diverso è stato l'approccio per la sua terza presenza ad Umbria Jazz. Maturata e più consapevole, ha dato prova del suo innato talento vocale, alternandosi alla chitarra e al piano. Un performance la sua più da rockstar che da pacata cantante jazz, capace di scaldare un'Arena infreddolita dal repentino cambio climatico. Alla fine il concerto è culminato con l'"autorizzazione" del 'tutti sotto il palco' fino mezzanotte e mezza. "Grazie Perugia, vi amo".

  • Photographer: Annalessia Castori
  • License: All Rights Reserved
Valerio Buonumori

Perugino doc e di bella presenza (la modestia è una delle sue doti principali) non ha mai cercato di domare i suoi ricci. Responsabile web di PM e tuttofare per indole non perde occasione per aprire bocca e dire la sua. Considerato in peso-forma è in realtà un falso magro, amante della musica, se bella, del cibo e del vino bianco alla giusta temperatura