Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

(Ri)apre i battenti il PostModernissimo

Scritto da 
0
(Ri)apre i battenti il PostModernissimo

Perugia scarta il suo regalo di Natale. Da giovedì 18 dicembre il primo assaggio della sua futura programmazione

Era solo agosto quando il crowdfunding ha avuto inizio. Oggi, appena quattro mesi dopo, quello che inizialmente era soltanto un progetto si appresta a registrare la sua nascita all'anagrafe. Proprio domani, giovedì 18 dicembre, a 14 anni dalla chiusura del Modernissimo d'Essai, PostModernissimo aprirà le porte agli abitanti della propria città, gli stessi cittadini che, mossi da un sentimento sincero, si sono impegnati alacremente in questi ultimi mesi per contribuire alla riapertura di questo cinema del centro storico di Perugia. L'Anonima impresa sociale, cooperativa fondata dai padri di questa rinascita - Giacomo Caldarelli, Andrea Frenguelli, Ivan Frenguelli e Andrea Mincigrucci - era sbarcata sul web questa estate per promuovere una campagna di raccolta fondi: la ristrutturazione del cinema, infatti, richiedeva dei costi impossibili da coprire interamente se non grazie anche al contributo degli affezionati. Ai cittadini, inoltre, è stata offerta la possibilità di diventare soci attraverso l'acquisto di un'azione a 100 euro. E domani, i risultati.



Chiunque voglia festeggiare questo primo traguardo, domani, potrà godere del miglior cinema di stagione e non solo in tre differenti sale: la Sala Visconti da 54 posti e la Sala Donati da 159, attrezzate con proiettori 4K di ultima generazione; la TerzaSala, il cui nome non casualmente si richiama alla terza pagina di un quotidiano, destinata alle ricerche, alle retrospettive e agli approfondimenti sull'immagine in movimento. Con i suoi 30 posti, quest'ultima farà inoltre da cornice al progetto KinderKino, una sperimentazione che sogna il cinema a misura di bambino, e alla futura programmazione condivisa. Completano la struttura un bistrot e un'area dedicata ad esposizioni artistiche. L'esigenza di riportare lo spettatore al centro della sala, di farne uno spettatore attivo, è l'auspicio alla base di questo progetto che, con una programmazione tutta da scoprire, ciascuno di noi, domani, è invitato ad inaugurare.

Per maggiori informazioni: www.postmodernissimo.com