Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

12 luglio / Stefano Bollani "Sheik Yer Zappa" / Paolo Fresu

Vota questo articolo
(0 Voti)
1388
0
0

Ieri sera grazie a Bollani & Fresu si è potuto toccare la musica

Il brio e l’estro non gli sono mai mancati e ieri sera lo ha dimostrato senza tirarsi indietro nemmeno un secondo. L’ultimo lavoro di Stefano Bollani - Sheik yer Zappa - presentato al Santa Giuliana, voleva rendere omaggio (riuscendoci bene) ad una delle figure più complesse e affascinanti della storia del rock, capace di oltrepassare le barriere fra i generi e di inventarne di nuovi, Frank Zappa. Un concerto ecclettico e pieno di “satira” musicale grazie anche alle potenti note del vibrafono di Jason Adasiewicz, al poliedrico contrabbasso di Paul Santner e alla sopraffina batteria di Jim Black. Ma quello di ieri sera non è stato solo un concerto da ascoltare con le orecchie e con il cuore; è stata anche l’occasione per sperimentare un percorso sensoriale per persone con problemi uditivi, le quali, grazie a delle grandi sfere, hanno potuto “toccare” la musica. Il funzionamento delle sfere era semplice: un computer tramutava le frequenze sonore del concerto all’interno di questa sfera, la quale vibrando più o meno intensamente, dava la possibilità a chiunque di poter sentire il concerto con le mani. A perfezionare il percorso sensoriale la possibilità di scegliere se sentire l’intero ensemble o il singolo strumento. Una serata perfetta in cui le sfere sensoriali colorate hanno fatto da cornice ad uno degli appuntamenti più attesi di questa Umbria Jazz 2015.

Dopo Stefano Bollani è salito sul palco Paolo Fresu, anche lui attesissimo grazie al suo nuovo progetto Brass Bang! Un lavoro di soli ottoni realizzato con Steven Bernstein, Gianluca Petrella e Marcus Rojas. Non è stata una novità totale anche se la figurazione due trombe-trombone-tuba non trova riscontri storici, ma il tema del progetto presentato ieri sera è senza dubbio più unico che raro. Un concerto affascinante e trascinante grazie ad un quartetto che ieri sera è riuscito a coniugare in maniera magistrale il difficile connubio che propone musica seria davvero intelligente e la parte ludica e divertente del mestiere del musicista. Il breve divertissement iniziale è stata la testimonianza di come la musica sia anche gioco e libertà creativa.

  • Photographer: Claudia Ioan
  • License: All Rights Reserved
Valerio Buonumori

Perugino doc e di bella presenza (la modestia è una delle sue doti principali) non ha mai cercato di domare i suoi ricci. Responsabile web di PM e tuttofare per indole non perde occasione per aprire bocca e dire la sua. Considerato in peso-forma è in realtà un falso magro, amante della musica, se bella, del cibo e del vino bianco alla giusta temperatura