Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Orvieto e la preziosa mappa di Enogea In evidenza

Scritto da 
0
Orvieto e la preziosa mappa di Enogea
Una grande idea, non credo ci sia altro modo per definire la bella collaborazione nata tra il Consorzio Tutela Vini di Orvieto e Alessandro Masnaghetti, importante giornalista del vino italiano

Permettetemi però un breve passo indietro, che negli ultimi anni in molti -compreso il sottoscritto, anche su queste pagine- avevano lamentato relativamente alla più importante denominazione del ternano alcune criticità che portavano, e che tutt’ora contribuiscono, a livellare verso il basso il prezzo delle uve e del vino della zona. Non solo però: al tempo stesso quella di Orvieto è denominazione che può vantare cantine di assoluto valore, preziose interpreti del territorio, e alcuni dei migliori vini bianchi non solo della regione.

È guardando ai suoi aspetti più positivi che il Consorzio, anche grazie alla guida di Enzo Barbi, sembra aver intrapreso una direzione che punta a valorizzare quanto di meglio Orvieto ha da offrire. È in questo contesto che è nata la collaborazione con Alessandro Masnaghetti, giornalista che nel corso degli anni ha portato avanti, caso unico al mondo, un approfondito studio su vigneti e denominazioni, un percorso che ha dato alla luce una lunga serie di cartine tematiche, strumenti eccezionali per avere uno sguardo d’insieme su alcuni dei più importanti territori del vino italiani e non solo.

Quella di Orvieto è infatti solo l’ultima di una lunga serie di mappe iniziata a Barolo e Barbaresco e poi proseguita a Dogliani, sempre in Piemonte, nel Chianti Classico e a Montepulciano in Toscana, a Mazzon in Alto Adige, a Bordeaux in Francia (e queste sono solo le primissime che mi vengono in mente). Cartine a colori pubblicate da Enogea che evidenziano in modo chiarissimo tutti i vigneti esistenti all’interno della denominazione con relative quote altimetriche e con una chiara delimitazione delle principali zone produttive. Il tutto corredato da una lunga serie di testi descrittivi delle varie aree e dei rispettivi cru.

Uno strumento insomma che permette di guardare l’Orvieto da una prospettiva unica, base imprescindibile per una lunga serie di ragionamenti sulle peculiarità delle diverse zone. Evviva.

Orvieto e la preziosa mappa di Enogea
   
Jacopo Cossater

Nato in Veneto, appena maggiorenne si trasferisce a Perugia per motivi di studio. È più o meno in quel periodo che si innamora del sangiovese, completa il percorso dell'Associazione Italiana Sommelier ed apre un blog, non necessariamente in quest'ordine. Dopo aver vissuto per troppo tempo a Milano e troppo poco a Stoccolma è tornato in Umbria, dove oggi lavora. Giornalista, collaboratore della guida "I Vini d'Italia" edita da l'Espresso, scrive anche su Enoiche illusioni e Intravino, due dei più popolari wine blog italiani.