Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Montefalco e i suoi Sagrantino 2014, che grande sorpresa In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||
Rientro da Montefalco e dalla sua recente anteprima dedicata alla vendemmia del 2014 con una sensazione piacevolmente rassicurante
Chi l’avrebbe mai detto, specie ripensando a quella raccolta così difficile, segnata dal maltempo e dalle tante piogge che avevano scadenzato la stagione estiva. I vini presentati dalle cantine aderenti all’iniziativa, oltre 35, hanno dimostrato non solo la consueta personalità ma anche un’espressività per certi versi spiazzante, caratteristiche che dimostrano tutto il valore di un distretto produttivo più consapevole e maturo che mai.

Ripenso alle sfide che il territorio ha dovuto affrontare durante il decennio scorso e mi accorgo quanto le cose siano cambiate in modo virtuoso: le annate calde che avevano segnato alcune vendemmie degli anni zero, spesso portando a vini più complicati che complessi, sono un lontano ricordo. Non è un caso che la 2011 si sia dimostrata - e si stia dimostrando - come una delle annate più interessanti della storia recente di Montefalco (e lo stesso vale, seppur in misura appena minore, per la torrida 2012). Impressione che forse potrebbe essere buona anche per le annate più fredde: per quanto alcuni Sagrantino prodotti nel 2002, vendemmia ancor più difficile della 2014, con il passare degli anni siano riusciti a sorprendere l’impressione è che non abbiano mai avuto lo slancio e la compattezza dei vini appena presentati a Montefalco.

Questa 2014 si beve infatti che è una meraviglia. In assaggio a Montefalco ho trovato vini snelli ma non asciutti, mai segnati da un calore eccessivo e anzi caratterizzati non solo da una certa e prevedibile freschezza ma anche da una trama tannica molto compiuta, funzionale alla struttura dell’assaggio. Vini piacevolissimi, già pronti al consumo o quasi. Il consiglio è quindi quello di acquistare e assaggiare da subito il maggior numero di Sagrantino 2014 possibile, magari divertendosi a confrontarli con la diversissima, e altrettanto buona, vendemmia del 2013. Potrebbe essere divertente.

 

Montefalco e i suoi Sagrantino 2014, che grande sorpresa
   
Pubblicato in Fast Good
Jacopo Cossater

Nato in Veneto, appena maggiorenne si trasferisce a Perugia per motivi di studio. È più o meno in quel periodo che si innamora del sangiovese, completa il percorso dell'Associazione Italiana Sommelier ed apre un blog, non necessariamente in quest'ordine. Dopo aver vissuto per troppo tempo a Milano e troppo poco a Stoccolma è tornato in Umbria, dove oggi lavora. Giornalista, collaboratore della guida "I Vini d'Italia" edita da l'Espresso, scrive anche su Enoiche illusioni e Intravino, due dei più popolari wine blog italiani.