Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Perugia e un appuntamento sulla birra che già adesso sembra essere imperdibile In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||
Corre, l’Umbria della birra. L’occasione per tornare a parlarne è rappresentata dall’imminente Fermentum Umbrae, manifestazione prevista per il weekend del 28/29 aprile e giunta alla sua terza edizione
Un evento che nasce grazie all’intraprendenza di un gruppo di studenti della Facoltà di Agraria, quest’anno decisi a farle fare un salto in avanti in termini di qualità.

“La prima edizione - mi raccontano - nasce nel 2016 con l’apertura del corso in tecnologie birraie del CERB, il Centro di Eccellenza per la Ricerca sulla Birra. Allora organizzammo un piccolo convegno per fare il punto sui birrifici artigianali della regione, con relativo banco d’assaggio. Già l’anno successivo fu tutto un po’ più strutturato: volevamo dare alla cosa un carattere più scientifico e fu così che ci focalizzammo sul ruolo delle botti in fase di fermentazione, affinamento, maturazione.”

“Quest’anno abbiamo deciso di concentrarci su un tema tanto vasto quanto interessante, quello della gestione dei lieviti. La conferenza si terrà in inglese, avrà la traduzione simultanea e vedrà la partecipazione del responsabile dei laboratori di White Labs, azienda leader nel mondo nella produzione e nel commercio dei lieviti, e i microbiologi di Chimay, famosissimo birrificio trappista. Non solo, abbiamo deciso di organizzare Fermentum nel weekend per cercare di parlare a un pubblico più vasto possibile.”

La manifestazione infatti può già vantare un già ricchissimo banco d’assaggio. Ai più significativi birrifici della zona, per ora confermati Birra dell’Eremo e Birra Perugia, si affiancheranno alcune delle più interessanti realtà emergenti italiane: dai friulani di Foglie d’Erba ai toscani di Brasseria della Fonte, fino a Rurale (Lombardia) ed Elvo (Piemonte). Un elenco destinato a evolvere che ha già una star: tra le spine ci sarà con le sue celebratissime e ricercatissime produzioni anche Florian Van Roy, figlio di Jean Van Roy, deus ex machina di Cantillon. “Siamo felicissimi sia proprio Florian a venire, abbiamo circa la stessa età e credo abbia capito l’entusiasmo che ci spinge a organizzare questo evento.”

L’appuntamento è quindi per fine aprile in facoltà, maggiori informazioni sulla pagina Facebook dell’evento. In bocca al lupo.
Perugia e un appuntamento sulla birra che già adesso sembra essere imperdibile
   
Pubblicato in Fast Good
Jacopo Cossater

Nato in Veneto, appena maggiorenne si trasferisce a Perugia per motivi di studio. È più o meno in quel periodo che si innamora del sangiovese, completa il percorso dell'Associazione Italiana Sommelier ed apre un blog, non necessariamente in quest'ordine. Dopo aver vissuto per troppo tempo a Milano e troppo poco a Stoccolma è tornato in Umbria, dove oggi lavora. Giornalista, collaboratore della guida "I Vini d'Italia" edita da l'Espresso, scrive anche su Enoiche illusioni e Intravino, due dei più popolari wine blog italiani.