Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

Io non sono gelosa di mio figlio In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||
Mi chiedo ancora come sia possibile, ma è così: io non sono gelosa di mio figlio

Io che a 36 anni sono ancora gelosa di mia sorella e di mio fratello, che nei rapporti di coppia (almeno fin quando amo intensamente) sono drammaticamente gelosa ai limite del paranoico. Io che entro in competizione, specialmente con le altre donne, e ringrazio spesso di non avere il pene perché la mia vita altrimenti l’avrei spesa a suon di chi ce l’ha più lungo. Ecco, io che sono tutto questo, di mio figlio non sono gelosa.

Tendo a considerare quello con mio figlio un rapporto, una relazione, non al pari di altre per carità, ma pur sempre una relazione amorosa e cerco di darmi risposte applicando più o meno gli stessi concetti.

Sulla gelosia però no, non trovo una spiegazione. Ho sempre pensato all’innamoramento come al mio personalissimo tallone d’Achille: io funziono bene (o abbastanza bene) in amicizia, nelle relazioni di lavoro ma in amore... in amore un vero disastro. A me l’amore tira fuori tutta l’insicurezza latente che abita in me, le paure più nascoste, l’angoscia di perdere l’altro e di non essere “abbastanza”. Mi rende debole. Mi fa perdere di vista valori e priorità. In amore perdono di tutto. E poi, a me, l’amore fa diventare gelosa. Gelosissima.

Una premessa che se dovessi ascoltare mi farebbe affermare che mio figlio non lo amo sufficientemente. Eppure non è così: io mi figlio lo amo senza esserne gelosa.

Non sono gelosa della sua spiccata predilezione verso il padre che peraltro trovo molto sensata dato che lui è, tra i due, quello che si sporca le mani, che si rotolo a terra, che gioca con lui divertendosi e non annoiandosi come faccio io. Lui è quello che c’è sempre stato quando io sono partita o ho lavorato per 12 ore al giorno. Quindi sì, mio figlio preferisce passare del tempo con suo padre e io non sono gelosa di questo loro tempo. Anzi, mi godo ancora di più i nostri momenti esclusivi, quando cioè mio figlio ha sonno o bisogno di coccole.

Io mio figlio lo amo senza esserne gelosa e mi viene da pensare che quello con mio figlio sia il rapporto d’amore più sano che io abbia mai vissuto finora.

 

Io non sono gelosa di mio figlio
   
Pubblicato in C'era una vodka
Lucrezia Sarnari

31 anni. Giornalista, mamma e blogger. Non necessariamente in questo ordine

Altro in questa categoria: « Il momento giusto