Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

Il diritto della mamme a (tre) mesi di vacanze In evidenza

Scritto da 
0
Il diritto della mamme a (tre) mesi di vacanze
Io non conosco nessuna categoria di lavoratori che abbia più diritto delle mamme a tre mesi di vacanze estive. Sì, come gli insegnanti, ma soprattutto come gli studenti.
Che poi altro non sarebbero che i figli di quelle mamme che meriterebbero un lungo periodo di vacanza. Gli stessi figli che, da settembre a giugno, siete riuscite a “sistemare”, con incastri degni di una campionessa di tetris (quale tra l’altro siete), tra asili, scuole, palestre, corsi di teatro e campi da calcetto.

Vi siete fatte in qauttro per accontentare le loro passioni, ma soprattutto per far sì che voi riusciste a star dietro anche ai vostri impegni che, tradotto, vuol dire cercare di mantenersi uno straccio di lavoro.

Tutto questo per ritrovarvi l’otto giugno orfane di scuola, calcetto e oratorio con l’estate alle porte e figli adrenalinici tutti vostri. Solo vostri. Un assaggio di paradiso per loro, un morso d’inferno per voi.

Iscrizioni a campus o centri estivi sembrano essere l’unica situazione per evitare di averli a casa tutto il giorno e sentire le loro vocine ripetere senza sosta: “Mamma, cosa faccio? Mamma, giochi con me? Mamma, mi annoio”.

Io continuo a pensare che chi diventa mamma dovrebbe usufruire di diritto di tre mesi di vacanza. Ovviamente quando i figli non sono a casa!

seguimi su www.ceraunavodka.it

 

 

 

Il diritto della mamme a (tre) mesi di vacanze