Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Cose che vorrei insegnare a mio figlio. Maschio

Scritto da 
0
Cose che vorrei insegnare a mio figlio. Maschio
Io non mi sono mai immaginata incinta, non ho mai sognato la mia bambina o il mio bambino. E quando mi sono ritrovata incinta, il sesso dell’inquilino della mia panza è stato davvero l’ultimo dei miei problemi.

Però se devo essere sincera, una preferenza ce l’avevo. Con una figlia femmina, ne sono sicura, sarei entrata in competizione più o meno subito: quindi sì, se avessi dovuto esprimere una preferenza avrei detto che diventare madre di un bambino avrebbe fatto più al caso mio.

I miei pensieri sono stati ascoltati, probabilmente per il fatto che chi ha deciso per me sapeva che avrei reso la vita impossibile ad una figlia femmina ed è così che sono diventata mamma di un bambino.

Maschio proprio. Che per me ha fatto sempre rima con un sacco di aggettivi poco carini e che lui, treenne, sta già calzando tutti alla perfezione.

Ruffiano come pochi, tremendamente paraculo e spesso ammiccante. 

E allora mi auguro di riuscire ad essere un’educatrice all'altezza del ruolo, in grado di crescere mio figlio insegnandogli il rispetto e l’onestà.

Vorrei essere in grado di insegnargli che la libertà è un bene prezioso, che lui sarà libero di scegliere come vivere la sua vita, ma che ogni sua scelta avrà una conseguenza da qualche parte del mondo e a capire che nella libertà molte persone trovano la loro espressione e non c’è nessuno al mondo che sarà mai completamente suo.

Di non dimenticare il valore di un abbraccio, a rispettare gli altri, ad essere consapevole del fatto che guardare il mondo con gli occhi ancora meravigliati è sintomo di forza e non di debolezza. Ché il segreto della felicità è sempre custodito da cose piccole, sciocche e chissenefrega se gli altri penseranno di lui che è l’ultimo dei romantici.

Gli vorrei insegnare a non smettere di vedere la poesia nelle cose, a non indurire troppo il cuore, a soffrire. A sbagliare, sbagliare tanto e a rialzarsi sempre senza vergogna per essere caduto e con la fierezza negli occhi per essersi rialzato.

Ma soprattutto a non vergognarsi mai dei suoi sentimenti. Ad amare le donne, o gli uomini se vorrà, ma a rispettare le donne. Tutte le donne: quelle che amerà, quelle che lo faranno piangere e disperare, quelle che gli daranno la forza e anche quelle che gliela toglieranno. Ad amarle e rispettarle perché questo meritano.

 

Cose che vorrei insegnare a mio figlio. Maschio