Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Manuale di sopravvivenza per neomamme In evidenza

Scritto da 
0
Manuale di sopravvivenza per neomamme
Prima della maternità la questione ti è molto chiara: tu sarai una brava madre. Tu sai come si fa, soprattutto sai esattamente cos’è giusto fare per i figli che ancora non hai e, forte di questa convinzione, non risparmi di sputare sentenze a destra e a manca
Non importa chi hai accanto o che il tuo interlocutore sia già genitrice o meno. No, la verità ce l’hai tu perché tu, a differenza di chi è già mamma, hai la lucidità dalla tua che ti fa vedere il mondo con i giusti occhi.

Quello che non sai, e che imparerai a tue spese, è che la lucidità, nella maggior parte dei casi, la partorirai insieme a tuo figlio, mentre in cambio avrai restituita una gran dose di stanchezza che appannerà per sempre il tuo cervello.

E se prima era tutto un: “Io non allatterò mai“, ora si chiamerà allattamento a richiesta. Con le tette al vento, sì, perché sennò quell’esserino piccolo e fragile che mi hanno dato in dotazione piange e io non voglio farlo piangere. E poi è la cosa più sana per lui, lo dicono, quindi fin quando posso, magari, una ciucciatina ancora, aspetta… un’altra, l’ultima, giuro che è l’ultima. Un altra, no, no, ma questa è l’ultima davvero.

Se prima si chiamava: “No vizi, regali solo alle ricorrenza, orari stabiliti e pugno della situazione sempre“, ora si chiama stanchezza cronica.

Se prima si chiamava: “Mai nel lettone con mamma e papà“, ora si chiama cosleeping. Prima, infatti, non sapevate nulla dei risvegli notturni, dell’insonnia, del sonno cane, del fatto che per dormire otto ore filate sarete disposte a tutto: anche ad avere ospiti nel vostro letto.

Se prima si chiamava: “Un cellulare in mano ad un bambino di tre anni? Non ci penso proprio“, ora si chiama purché mangi.

Se prima si chiamava: “Il figlio è tuo, i cocci pure“, ora si chiamano nonni. La coppia va preservata, no? Partire in due è sacrosanto. E poi i nonni sono così bravi, disponibili, attenti, amorevoli.

Se prima si chiamava maternità, ora si chiama sopravvivenza di una madre.

Manuale di sopravvivenza per neomamme