Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

La verità vi racconto sull'asilo In evidenza

Scritto da 
0
La verità vi racconto sull'asilo

Fare l’inserimento all’asilo nido non è una cosa affatto divertente. No, lo dico perché è ora che qualcuno lo scriva a chiare lettere. L’inserimento al nido è qualcosa di straziante, pari solo all’angoscia che finora ho avuto quando dovevo portare il Nano a fare il vaccino.

O che mi assale ogni volta che devo fare le analisi del sangue. O che vedo una giovane ragazza indossare delle calze velate. Un’angoscia. E non parlo del fatto di lasciarlo tutto solo per la prima volta che poi le maestre che ne sanno di cosa diverte il mio piccolino e se escono per giocare in terrazzo io lo so che non gli mettono nemmeno il cappello. Non parlo nemmeno di quanto possano essere straziante i pianti di tutti ‘sti bambini in pieno trauma da abbandono, vederli che ti si attaccano alle gambe e ti urlano: “Mammmmmaaaaaaaa” e poi la loro mamma compare, tu scopri che è una discreta cozza e ti risenti pure un pochetto.

A preoccuparmi non sono le maestre o i loro metodi sbrigativi rispetto a quelli di nonne, mamma e zie ai quali il Nano è stato abituato fino ad una manciata di giorni fa, né il fatto che non consumerà i suoi pasti sotto il nostro sguardo attento. O che gli cambino il pannolino senza tutte le dovute accortezze e spalmando la creme pre, durante e post operazioni di pulizia. Non mi angosciano i nasi gocciolanti, le scale ad accesso libero, i giochi che contano almeno due ruote e i bambini più grandi che non sempre sono delicatissimi.

A me quello che veramente crea tanta angoscia è che, ogni volta che vado a prendere mio figlio all’asilo, lui si attacca al cavallo a dondolo manco fosse l’ultimo uomo sulla terra e inizia a piangere e a disperarsi perché non vuole tornarsene a casa. Con me.

La verità vi racconto sull'asilo
   
Altro in questa categoria: Noi gli indipententisti »