Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Sufficiente, il corto prodotto dalla perugina Giulia D’Amato vince ai Nastri d'Argento

Scritto da 
0
|| || ||

Con la Palabras è uno dei produttori di questa piccola ma grande storia

Il suo capolavoro si chiama “Sufficiente”: un cortometraggio che Giulia D’Amato ha prodotto con la sua casa di produzione Palabras, e che è stato presentato al Festival di Venezia durante le Giornate degli Autori – Notti Veneziane nel 2019, e accolto con grande entusiasmo.


Quest’anno il corto prodotto da Giulia, insieme a Gianluca Arcopinto e Rosario Esposito La Rossa, ha vinto ai Nastri d’Argento 2020 il Premio Speciale dedicato ai temi sociali.

Quella che i registi Maddalena Stornaiuolo e Antonio Ruocco raccontano è una piccola storia, ma dal significato enorme: Gennaro, nome di fantasia, ma protagonista di una storia vera, è un quindicenne della periferia nord di Napoli che deve fare gli esami di licenza media. Quando si presenta, i professori lo accolgono con disprezzo e scetticismo: pensano di sapere esattamente chi hanno di fronte, e sono già pronti a giudicarlo come l’ennesimo ripetente. Gennaro invece presenta la sua tesina, che parte proprio dalla sua storia, segnata dalla morte del padre ucciso, fino ad arrivare a parlare del corpo umano e del Cristo Velato. I professori sono costretti al silenzio, fuori e dentro, e Gennaro terminerà chiedendo solo la “sufficienza”, perché “sufficienza è un bel voto. Significa abbastanza”.



Sono solo dieci minuti, ma lasciano dentro un peso enorme e che costringe a riflettere: Scampia è solo uno dei tantissimi quartieri in cui i ragazzi vengono abbandonati e giudicati per una vita che non hanno scelto loro. Invece è proprio nella scuola che si dovrebbe trovare un rifugio e una speranza per una vita migliore. Per Gaetano, vero nome del ragazzo, ottenere la sufficienza è solo l’inizio per avere finalmente un’occasione in più.

Giulia D’Amato, insieme al regista Vincenzo Marra e Gianluca Arcopinto, ha curato anche il corso di produzione cinematografica del laboratorio teatrale “Scugnizzeria”, fondato dalla regista Maddalena Stornaiuolo proprio a Scampia, la sua città, di cui ha voluto raccontare questa storia.

In soli dieci minuti si può insegnare tanto, e Giulia e tutto il team che ha creduto in questo progetto, ce lo hanno dimostrato.

Sufficiente, il corto prodotto dalla perugina Giulia D’Amato vince ai Nastri d'Argento
   
Pubblicato in Umbria
Super User

Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.