Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

L'editoriale n.119

Scritto da 
0
|| || ||

Che popolo straordinario gli italiani: i caffè con le macchinette dove gente disperata si gioca la casa alle 7 di mattino sì, ma Starbucks no

Il prossimo bimestre non sarà  un bimestre come gli altri: è scattato il conto alla rovescia verso la Festa della Rete, il festival del web più importante d'Italia che Piacere Magazine ha voluto a portare a Perugia, città già vocata e cornice ideale per i grandi eventi. Fra incontri e dibattiti, fra youtuber e influencer, fra rivelazioni della rete e blog di qualità sarà una tre giorni intensa e ricchissima di eventi. Fra questi l'appuntamento principe, la sera di sabato 10 novembre, sarà con i Macchianera Internet Awards, gli oscar del web italiano. Insomma, per Perugia, almeno questo è l'augurio, una preziosa occasione per essere protagonista in rete.

Anche perché fra spaccate, micro-criminalità di ritorno, marciapiedi a misura di sottiletta e mostruosità varie ultimamente da queste parti non c'è molto da ridere. Per questo l'augurio è che i temi della rete (su cui Comune e Regione stanno lavorando e investendo tantissimo) possano davvero salvarci. E pazienza se nel frattempo qualcuno spazientito dai cantieri ha sputato un po' di rabbia su Facebook. Meglio stare fermi in coda oggi che stare fermi sulla strada dell'innovazione domani.

E allora, sì, aspettiamolo il domani che lo ieri non è stato certo ricco di soddisfazioni. Un'estate scandita dal crollo del ponte di Genova, dalle ignobili posizioni della maggioranza sui vaccini, da un caos giudiziario-amministrativo che ha rischiato di mandare in crisi il sistema calcio dalla serie B in giù, da una legge europea sul copyright che non serve a nessuno se non a tutelare un paio di lobby (anche se qualcuno ha avuto l'ardire di sostenere che è stata fatta per il bene della libera informazione, quando forse avrà esattamente l'effetto contrario).

A proposito di calcio: alla fine non è stato ripescato nessuno. Ma forse, vista la china presa dal Paese, è davvero arrivato il momento di ripescare qualche cervello.

L'editoriale n.119
   
Pubblicato in Editoriale
Etichettato sotto
Matteo Grandi

A due anni leggeva Proust, parlava perfettamente l'inglese, capiva il francese, citava il latino e sapeva calcolare a mente la radice quadrata di numeri a quattro cifre. Andava al cinema, seppur accompagnato dai genitori, suonava il pianoforte, viaggiava in aereo, scriveva poesie e aveva una fitta corrispondenza epistolare con l'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini. A sei anni ha battuto la testa cadendo dagli sci. Del bambino prodigio che fu restano l'amore per il cinema, per la scrittura e per le feste natalizie. I segni del tracollo sono invece palesati da un'inutile laurea in legge, da un handicap sociale che lo porta a chiudersi in casa e annullare appuntamenti di qualsiasi genere ogni volta che gioca il Milan e da una serie di contraddizioni croniche la più evidente delle quali è quella di definirsi "di sinistra" sui temi sociali e "di destra" su quelli economici e finanziari. A trent'anni ha battuto di nuovo la testa e ha fondato Piacere. Gli piacerebbe essere considerato un edonista; ma il fatto che sia stata la sofferenza (nel senso di botta in testa) a generare il Piacere (nel senso di magazine) fa di lui un banalissimo masochista.

Altro in questa categoria: « L'editoriale n.118