Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-
Paoluccio da Foligno

Paoluccio da Foligno

Umbro ambasciator che porta pena, epperò anco penna. Cantore de le humanae sventure, paventa li secoli bui a venire, eppure è pien di malriposta speme.
Venerdì, 31 Luglio 2015 14:55

Legioni d‘imbecilli

Egregio dottore, la calda stagione arrivò alfine a dar sollievo all’ossa nostre, rattrappite dallo lungo freddo che non intendea partirsi da codeste terre, ma sebbene ‘l brio del marzo pazzerello ci abbia raffreddati, a scaldar oltremodo l’aere arrivò ‘l Verbo dello dottore luminare Umberto Eco.
Giovedì, 14 Maggio 2015 17:42

Dello pubblico conio tolto alli partiti

Illustre Signore, vi scrivo dopo il lungo inverno, or che le giornate - come ahimè l’umane sciagurae - sempre più paiono allungarsi.
Mercoledì, 03 Dicembre 2014 01:00

Dell’italico spirto che nulla puote scalfire

Illustre Dottore, anco l’Annus Domini Duemila et Quattordici è iunto a lo vespro suo, e ben pria de la festa ecco venire alla mente le libagioni, le musicae e l’ebbrezza, e anco li magni discorsi de lo vetusto Re a lo popolo annoiato.
Lunedì, 27 Ottobre 2014 01:00

Diran ch'è vero, poiché così è scritto

Esimio Dottore,
lo foglio che reco in mano è in verità umidiccio e mal si presta alla scrittura, ma sì bizzarra et piovosa fu la stagione or trascorsa, che sfido chiunque a trovar carte asciutte su cui vergar messaggi. Trovai urgente, Signor mio, il bisogno di scriverVi per porVi una quaestio: lo mezzo digital, nella diffusion de la Sapienza intiera alle genti, è più di giovamento o di danno? Come salmoni controcorrente, difatti, parmi che viltade et stoltezza abbian risalito l’acque lucenti di Virtute et Canoscenza, e sovente mi dimando se non fussimo dinanzi a una nova oscurità.