Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

Un titolo per via Sicilia

Scritto da 
0
Un titolo per via Sicilia

Limpiccione su Piacere Magazine n.98

Un titolo per via Sicilia

A sancire un’opera architettonica che ad oggi appare inspiegabile, inutile e che non solo è costata il giusto, ma che arreca danni alla viabilità della stazione, non poteva mancare un titolo, in più lingue chiaramente. Ed ecco che da qualche giorno nel muro del nuovo passaggio pedonale sopraelevato che dalla stazione Fontivegge porta al Mondrian o Street Park di via Sicilia sono apparse delle scritte: urbane kunst, sztuka miejska, stadtkunst, urba arto, urbana umjetnost, art urbain, urban art, kentsel sanat, urbaani taide cioè ARTE URBANA A FONTIVEGGE! Finalmente abbiamo capito di che cosa si tratta. Per fortuna il titolo, altrimenti non avremmo mai capito a che cosa servono quei monoliti in cemento dipinti ed ideati dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti. Il tutto dovrebbe concludere un’esercitazione didattica concordata a suo tempo tra i dirigenti apicali dell’ufficio tecnico del Comune di Perugia e l’Accademia. Ora cari dirigenti apicali, ma perché spendere inutilmente i nostri soldi, quando bastava usarli per sistemare le strade ed evitare disagi al traffico? Ma siamo certi, cari apicali, che ci sorprenderete ancora! Grazie




La Giunta è giunta

Ci siamo! Dopo la riconferma della presidente uscente Catiuscia Marini, il nodo della nuova giunta è stato definitivamente sciolto. Può partire così il Marini bis, non senza polemiche da parte dell’ala più a sinistra del partito che sponsorizzava Attilio Solinas. Due le riconferme: il vicepresidente Fabio Paparelli che si occuperà di lavoro, formazione, competitività delle imprese e innovazione del sistema produttivo, infrastrutture digitali e rapporti con Sviluppumbria e Gepafin e Fernanda Cecchini che, come nel quinquennio precedente, seguirà agricoltura, caccia e pesca, oltre all'ambiente, cultura e spettacolo e grandi manifestazioni. Luca Barberini è il nuovo assessore alla coesione sociale e Welfare, tutela e promozione della salute, programmazione e organizzazione sanitaria. New entry ed esterni, il socialista Giuseppe Chianella, che si occuperà di infrastrutture, trasporti, riqualificazione urbana e centri storici e il professor Antonio Bartolini, alle riforme, risorse umane e patrimoniali, agenda digitale, scuola ed edilizia scolastica. La presidente Marini tiene per sé la programmazione, la gestione dei Fondi europei, la protezione civile, le politiche di parità, la promozione, l’internazionalizzazione dell’Umbria e, novità, il bilancio. Rumors dell’ultimo momento vogliono l’assegnazione di Andrea Cernicchi a Capo di Gabinetto dell’assessorato alla sanità. Se fosse vero è la prova che i ‘compagni’ non si scordano di nessuno. Per fortuna neppure dei nomi validi



La galleria non la fa... Franca

Report aveva ragione! Dopo il servizio di denuncia della trasmissione condotta da Milena Gabanelli, in cui un operaio dichiarava palesemente che c’erano dei problemi strutturali riguardanti gli spessori del cemento utilizzato sulla strada Foligno-Civitanova, e la secca smentita dell’allora presidente dell’ANAS Pietro Ciucci - il quale disse che non c’era alcuna difformità dalle verifiche effettuare - ora la conferma ufficiale è arrivata. A darne notizia è il nuovo presidente di ANAS Gianni Armani che ha dovuto ammettere «la non conformità, in particolare dei sottospessori rispetto a quanto previsto dal progetto che prevedeva 50 cm di calcestruzzo, mentre c’è un 10% della galleria “Franca” dove lo spessore è inferiore di almeno 20 cm. Questo significa che la galleria va rinforzata in alcuni punti». Non è chiaro che cosa succederà ora. Qualcuno si prenderà la responsabilità (sicuramente no)? Quali saranno le tempistiche per il controllo e la messa in sicurezza del Quadrilatero, opera di notevole impatto ambientale inaugurata a gennaio in pompa magna, che dovrebbe aprire le porte all’integrazione tra Umbria e Marche? Non ci è dato saperlo. Ma una cosa è certa, a risuonare beffarde sono le parole pronunciate durante la cerimonia di inaugurazione da Maurizio Lupi, ex ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture: «Oggi è una grande festa. Questa è l’Italia che funziona e fa cose buone. Questa è una cosa buona fatta con onestà e voluta dal territorio». Amen




La spesa buona e sostenibile a portata di clic si chiama Food Republic

Per coloro che sono pigri e maledicono il momento in cui bisogna fare la spesa e incalanarsi nelle mastodontiche file dei supermercati, arriva Food Republic. Un nuovo modo di fare la spesa online, per portare sulle nostre tavole il meglio dei prodotti regionali. Un carrello a km0 riempito comodamente sul divano davanti al computer, o a portata di smartphone durante la pausa pranzo. Nasce così la “Repubblica del buon cibo”, da un’idea di Fabio Artuso e Barbara Orlandini, coppia nella vita e nel lavoro che ha deciso di mettere radici proprio qui, nel cuore verde d’Italia, e dare vita a un nuovo progetto. Un mercato virtuale, un emporio online, in cui si potrà ‘passeggiare’ tra le eccellenze umbre, ordinare la spesa settimanale e riceverla direttamente a casa. Cassette di frutta e verdura già assortita, tagli scelti di carne bovina o suina in “pacchi famiglia”, formaggi e yogurt, pasta tradizionale o al farro, legumi assortiti e farine per impasti, uova da galline allevate "in libertà", zafferano, creme spalmabili e miele millefiori, birra artigianale, vino biodinamico e tanto altro seguendo la stagionalità. I produttori sono stati accuratamente selezionati all’interno della provincia di Perugia in collaborazione con il Consorzio GEA. Sul sito www.food-republic.it vengono selezionati i produttori ed elencati in un listino on line suddiviso in 8 categorie. I prodotti sono corredati da una breve spiegazione, dal prezzo e dalla scheda multimediale riguardante il produttore che ne garantisce tracciabilità. Entro ogni venerdì della settimana è possibile ordinare la propria lista della spesa tramite il sito o chiamando il numero telefonico così da riceverla a domicilio. Per il momento il pagamento avviene alla consegna, ma a breve sarà possibile effettuare sia l’ordine che il pagamento direttamente online. Food Republic è un’impresa low profit a finalità sociale, la cui logica è quella della filiera corta ed è realizzata grazie al supporto del CRAL del Comune di Perugia e al sostegno di Jacopo Fo. Un progetto bello, salutare e sostenibile che siamo certi farà strada e che ci renderà ancora più consapevoli di vivere in una regione davvero speciale, unica!



Un titolo per via Sicilia