Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Trent'anni e non sentirli In evidenza

Scritto da 
0
Trent'anni e non sentirli

Il 18 ottobre ho compiuto 30 anni. Spesso mi ritrovo a dire “trent'anni e non sentirli”. Perché in verità non mi sembra proprio di averli, non mi pesano.

Mi sembra di essere una bambina e penso a mia nonna che a trent'anni aveva già quei sei o sette figli al seguito.

Appena arrivato il giorno del mio compleanno, quando il 2 come prima cifra dei miei anni lascia spazio a un bel 3 tondo tondo, penso: “Ma adesso che sono grande non posso più piangere?” e già... Questa domanda vi fa capire che son tutto, tranne che grande... tipica domanda da 30enne insomma.

Ma a prescindere da questo, mi sento di dire che questi sono gli anni delle responsabilità... Questa è l'età perfetta per attivarci, per fare in modo che le cose possano cambiare..

E c'è tanto da cambiare in questo Paese... Pochi giorni fa, anzi proprio il giorno del mio compleanno, parlavo con i miei cugini di 18 e 20 anni i quali mi dicevano che il loro desiderio era quello di andare via dalla nostra amata Italia per cercare di realizzarsi... Io li ascoltavo e quasi non riuscivo a capacitarmi del fatto che per emergere, o anche solo per trovare un lavoro dignitoso e mediamente retribuito, fossero disposti a lasciare tutto e andare via, chi diceva in Svezia, chi in Germania e io, tra me e me dicevo, ma davvero è questa la nostra fine? Sarà soltanto un paese per vecchi, per raccomandati, per veline, per tronisti, per Suor Cristine varie che poi faranno un remake di Like a Virgin di Madonna?

Spero di no...

Mi rivolgo ai trentenni, a tutti quelli dell'età di mezzo... a quell'età in cui, per citare Jovanotti, si sa quello che si era ma non si sa dove si va e cosa si sarà: se vogliamo ce la facciamo a cambiare le cose, se non ci pieghiamo a questi limiti che ci hanno imposto e se non ci arrendiamo a tutti quelli che hanno deciso di tarparci le ali della speranza.

Il vero problema, però, è che l'Italia è un paese che guarda sempre alla sua storia, al suo passato, ma il passato è passato e noi siamo il futuro.
Trent'anni e non sentirli
   
Pubblicato in La linea d'ombra
Claudia Alfonso

30 anni ma non li sente, lotta contro il tempo perché in realtà non vuole invecchiare. Quasi laureata. A volte recita. Ama il divano. Barese. Amante delle cime di rapa. Infinitamente curiosa. Con uno sguardo non ben definito sul futuro. Ma speranzosa e piena di fede.