Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

L'editoriale n.141

Scritto da 
0
|| || ||

La guerra sarà ancora lunga, niente illusioni. Ma… Le televisioni italiane ci hanno propinato grandi esperti geopolitici che spiegavano che le sanzioni non funzionano e le forniture di armi sono controproducenti. Oggi scopriamo che erano dei buffoni

Sarà un autunno rigido. Con lo spettro del caro-bollette a incombere su tutti: imprese, commercianti, famiglie. Ora, al di là dei consigli da bar che circolano sui social, mangiare la pasta cruda o fare la doccia fredda, non mi sembrano le soluzioni più astute.

Quel che è certo è che le nostre generazioni, di quarantenni, sessantenni e ventenni, una cosa del genere non l’hanno mai vissuta in vita loro. Prepariamoci a stringere i denti senza rinunciare ai consumi. Proviamo a trovare un equilibrio che non ci prosciughi e che al tempo stesso non incida sul tessuto commerciale dando vita a un circolo vizioso senza fine.

E proviamo a ragionare su idee creative: come l’azienda Noi di Città di Castello che per limitare i consumi sta organizzando dei turni all’alba quando le utenze costano meno. O come l’ipotesi di prolungare l’ora solare anche d’inverno per guadagnare un po’ di luce naturale.

Senza illuderci che una volta terminata la guerra (se e quando terminerà) i prezzi scenderanno. La sensazione è che a monte ci sia una speculazione per cui la guerra è soltanto sponda e pretesto.

Nel frattempo, è tempo di elezioni con un Parlamento dimezzato da una sciagurata iniziativa populista le cui uniche conseguenze sono meno rappresentanza per i territori ed eletti stabiliti per la stragrande maggioranza nelle segreterie dei partiti.

Staremo a vedere. Con un briciolo di speranza, visto che alla Sanità non ci sarà più Speranza.

Per tutto il resto, informazioni, curiosità, notizie e statistiche venite a seguirci sulla nostra pagina Instagram piena di nuovi contenuti e tantissime novità.

L'editoriale n.141
   
Pubblicato in Editoriale
Etichettato sotto
Matteo Grandi

A due anni leggeva Proust, parlava perfettamente l'inglese, capiva il francese, citava il latino e sapeva calcolare a mente la radice quadrata di numeri a quattro cifre. Andava al cinema, seppur accompagnato dai genitori, suonava il pianoforte, viaggiava in aereo, scriveva poesie e aveva una fitta corrispondenza epistolare con l'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini. A sei anni ha battuto la testa cadendo dagli sci. Del bambino prodigio che fu restano l'amore per il cinema, per la scrittura e per le feste natalizie. I segni del tracollo sono invece palesati da un'inutile laurea in legge, da un handicap sociale che lo porta a chiudersi in casa e annullare appuntamenti di qualsiasi genere ogni volta che gioca il Milan e da una serie di contraddizioni croniche la più evidente delle quali è quella di definirsi "di sinistra" sui temi sociali e "di destra" su quelli economici e finanziari. A trent'anni ha battuto di nuovo la testa e ha fondato Piacere. Gli piacerebbe essere considerato un edonista; ma il fatto che sia stata la sofferenza (nel senso di botta in testa) a generare il Piacere (nel senso di magazine) fa di lui un banalissimo masochista.

Altro in questa categoria: « L'editoriale n.140