Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

L'editoriale n.134

Scritto da 
0
|| || ||
Ciao siamo il CTS, il richiamo con AZ è sicuro, ma siccome la gente è terrorizzata lo vietiamo che poi è molto meglio il mix, ma siccome qualcuno rifiuta il richiamo eterologo  ritiriamo il divieto e lasciamo libertà di scelta. Ormai siamo al “fate come cazzo vi pare”
Dopo aver passato mezzo Europeo a chiederci se fosse giusto inginocchiarsi o meno, se farlo per solidarietà, per obbligo, per scelta imposta, per unanimità o per scaramanzia e senza aver mai capito neanche per un secondo quale fosse il motivo per cui inginocchiarsi era doveroso (anche se, tranquilli, ha detto Chiellini che ora penseranno a delle iniziative contro il nazismo), adesso sembra che qualcuno abbia deciso che dobbiamo tutti inginocchiarci al terrore.

Che nello specifico è rappresentato dalla Variante Delta, il contagiosissimo spin-off del Coronavirus che già semina panico in vista dell’autunno. Però i vaccini funzionano, ci dicono. E chi scrive ne è profondamente convinto. Proprio alla luce di questo, fatico a comprendere perché si dovrebbe tornare anche solo a ipotizzare nuovi lockdown. E soprattutto perché mai bisognerebbe chiudere in casa persone vaccinate rischiando di fermare di nuovo il paese. Posto che oggi quello vaccinale non è un obbligo, è giusto e doveroso consentire a chi è vaccinato con doppia dose di portare avanti una vita normale.

Ma questa impostazione logica incontrerà due nemici, temo. Il primo: il delirio taleban-sanitario del “contagio zero”. Una folle utopia che non ci possiamo permettere di inseguire (con buona pace di un pezzo di CTS e di qualche forza politica). Il contagio zero, se una malattia non porta ospedalizzazioni in termini significativi, è un abominevole nonsense. Così come insensata è la conta dei contagi in chiave restrizioni: da ora in poi bisognerebbe soltanto contare ospedalizzazioni e decessi e, ovviamente, continuare a sequenziare. La scienza è una cosa, le scelte politiche un’altra ed è bene non confondere i due ambiti. L’altro nemico rischia di essere l’ossessione per la privacy. Se si decidesse di far vivere una vita normale ai vaccinati, questo implicherebbe una certificazione in stile green pass, magari anche per andare a cena fuori o allo stadio. Siamo sicuri che non si leveranno le proteste dei custodi della privacy nel tentativo di rendere vana questa iniziativa? Come se quando andiamo allo stadio con i biglietti nominali, quando viaggiamo con i biglietti nominali, quando paghiamo con carte e bancomat al ristorante o in un negozio non fossimo già costantemente tracciati...

E allora pensiamo alla musica. Una delle cose per le quali vale la pena vivere. Musica che torna prepotente quest’estate ad animare i concerti estivi, gli attesi live e i grandi eventi dell’Umbria. Speriamo che questa musica, leggerissima e attesissima (a proposito, non perdetevi la bella intervista a Colapesce a pagina 42), possa alleggerire anche il peso della fase storica che stiamo attraversando. In fondo, come cantava Celia Cruz nel suo La Vida es un Carnaval: “las penas se van cantando”.
L'editoriale n.134
   
Pubblicato in Editoriale
Etichettato sotto
Matteo Grandi

A due anni leggeva Proust, parlava perfettamente l'inglese, capiva il francese, citava il latino e sapeva calcolare a mente la radice quadrata di numeri a quattro cifre. Andava al cinema, seppur accompagnato dai genitori, suonava il pianoforte, viaggiava in aereo, scriveva poesie e aveva una fitta corrispondenza epistolare con l'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini. A sei anni ha battuto la testa cadendo dagli sci. Del bambino prodigio che fu restano l'amore per il cinema, per la scrittura e per le feste natalizie. I segni del tracollo sono invece palesati da un'inutile laurea in legge, da un handicap sociale che lo porta a chiudersi in casa e annullare appuntamenti di qualsiasi genere ogni volta che gioca il Milan e da una serie di contraddizioni croniche la più evidente delle quali è quella di definirsi "di sinistra" sui temi sociali e "di destra" su quelli economici e finanziari. A trent'anni ha battuto di nuovo la testa e ha fondato Piacere. Gli piacerebbe essere considerato un edonista; ma il fatto che sia stata la sofferenza (nel senso di botta in testa) a generare il Piacere (nel senso di magazine) fa di lui un banalissimo masochista.

Altro in questa categoria: « L'editoriale n.133