Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

Ah, quanti «CAPRA» sentiremo all’Università per Stranieri! In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||

Limpiccione su Piacere Magazine n.113

Tutti al mare a mostrar le… il prossimo anno, è meglio

È di questa estate la notizia del passo avanti verso il tanto atteso completamento della Perugia-Ancora. Dai primi di agosto Anas e Quadrilatero hanno (finalmente) aperto la carreggiata della statale 76 “della Val d’Esino” realizzata tra Fossato di Vico e Cancelli (Fabriano). Eppure non è tutto oro quel che luccica. Infatti sul nuovo tratto si circola a doppio senso di marcia, visto che sulla vecchia strada, che costituirà la seconda carreggiata, stanno proseguendo i lavori di adeguamento. Stesse modalità per il tratto Albacina-Serra San Quirico. Meglio di niente direte voi. Certamente con il caldo di quest’estate il più ‘agevole tuffo’ al mare sarà stato senza dubbio una magra consolazione. Aspettiamo fiduciosi il 2018!






Habemus l’erede. Benvenuta Matilde!

Fiocco rosa in Comune. Il 18 agosto è nata Matilde, la primogenita del sindaco di Perugia, Andrea Romizi e di sua moglie Angela Guerrieri. Rispetto alle vicende amministrative cittadine fortunatamente “si è trattato di un parto naturale in tempi molto rapidi”, come ha spiegato il direttore della struttura complessa di Ostetricia e ginecologia, dottor Giorgio Epicoco. Scherzi a parte non possiamo che complimentarci con la neo mamma e il giovane sindaco per l’arrivo della bella Matilde. Tanti auguri ai due giovani che ora sono diventati a tutti gli effetti una stupenda famiglia!








Fly Marche chi? Le preghiere non bastano più!

Nuovo mistero sopra i cieli dell’Aeroporto di Perugia San Francesco di Assisi. Quello che è andato in scena quest’estate è l’ennesimo mancato miracolo. A rimetterci come sempre i poveri passeggeri che da un giorno all’altro hanno scoperto di non avere più un volo per tornare a casa. Altro che vacanza, un vero e proprio incubo. I protagonisti? Da una parte la tanto acclamata Fly Marche che, sentitasi sotto accusa, ha cercato di scaricare la responsabilità per la cancellazione di tutti i voli da/per Perugia (Olbia, Elba, Rimini, Ancona e Zara) sulla Sase; dall’altra la stessa società che gestisce l’Aeroporto San Francesco che ha prontamente smentito rimandando le accuse al mittente. Eppure la cosa che più inquieta di tutta la vicenda è il silenzio imbarazzante da parte delle istituzioni. Sviluppumbria precisa solamente che non ha mai avuto alcun rapporto e tanto meno incontri con il tour operator incriminato. Tanto che importa, basta presenziare!
P.S. E presto capiremo se Fly Volare ci farà viaggiare sul serio o… di fantasia!







Chi più ne ha (di burger), più ne cuocia!

Ormai lo sappiamo! Via Trasimeno Ovest, l’arteria che collega la periferia di Perugia con la ‘zona centrale’ della città è diventata da qualche anno il food district perugino: norcinerie, pizzette e stuzzichini, piadine, smoothies, gelati, dolci, centrifughe, sushi, involtini primavera, hamburger e pollo fritto. 5 km ad alta densità calorica, alla faccia del colesterolo e del grasso. Sembrerà assurda allora l’idea di far sorgere nel pieno marasma culinario un nuovo ‘dispensatore di calorie’ vero?! E invece sembrerebbe proprio così. Rumors dell’ultim’ora sussurrano che (quasi) davanti all’ormai redivivo McDonald's ci stia per nascere un altro colosso del fast food, il famoso Burger King! Per tutte le patatine fritte… ce lo meritiamo tutto! D’altronde siamo nati per soffriggere! (cit.)







Ah, quanti «CAPRA» sentiremo all’Università per Stranieri!

Questa volta Vittorio Sgarbi sarà “uno di noi”. Dopo il fallito tentativo di anno scorso, ora c’è la conferma ufficiale. Il critico d’arte da ottobre insegnerà Storia dell’Arte Moderna all’Università per Stranieri. Una cattedra che sarà istituita esclusivamente per lui e che lo vedrà indiscusso protagonista. Ma le novità non finiscono qui. Sembra infatti che il Vittorio nazionale abbia intenzione di organizzare un Festival delle Arti con «epicentro a Perugia. Un’appendice ad Assisi, un’ulteriore diramazione a Urbino». L’arte insomma come strumento di rinascita. E pensare che di capre (ben pagate) qui ne abbiamo tante e nessuno ci aveva mai pensato.



Ah, quanti «CAPRA» sentiremo all’Università per Stranieri!