Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

L'editoriale n.97

Scritto da 
0
L'editoriale n.97

Aspetto con ansia il giorno in cui Salvini indosserà una delle sue felpe per fare tappa a Bastardo

Mentre Piacere Magazine va in stampa non conosciamo l'esito delle elezioni in Umbria (lo immaginiamo, ma questo è un altro discorso), mentre, se state sfogliando questa copia (in uscita i primi di giugno), voi già sapete chi dovrà traghettare la nostra regione fuori dall'isolamento culturale, infrastrutturale e comunicativo che la contraddistingue. Eppure, pur scrivendo al buio e senza sapere con certezza chi governerà l'Umbria per i prossimi cinque anni, sappiamo bene che cosa vorremmo per la nostra terra. Riposti nel cassetto gli slogan di stampo berlusco-renziano, roba da pubblicitari più che da politici, è adesso scoccata l'ora dei fatti.

E, visto che sognare non costa nulla, ecco come ci piace immaginare l'Umbria fra cinque anni.

Grazie all'efficientissima metropolitana di superficie, spostarsi da Terni a Perugia in mezzora è una bella realtà che amplifica e moltiplica le opportunità di lavoro per una regione a misura di pendolare, sacrificata per troppo tempo sull'altare di collegamenti zoppi e inefficienti. Riposte utopie costose e poco funzionali come la stazione dell'Alta Velocità MedioEtruria, la Regione e le Ferrovie dello Stato hanno finalmente allestito una più funzionale flotta di Frecciargento sull'asse Roma-Milano con fermate a Terni, Foligno e Perugia. Spostarsi dall'Umbria a Milano, così, è diventato quanto di più semplice: tre ore di treno senza cambi. A Roma si arriva in un'ora e venti. Ci sono 3 treni verso nord e 3 treni verso sud al giorno. Per uscire dall'endemico isolamento, però, era necessario anche un nodo autostradale di livello internazionale: così la Orte-Mestre, appena inaugurata, è finalmente una strada all'altezza, con un asfalto all'avanguardia e autogrill disseminati ovunque. Noi umbri, ovviamente, siamo esentati dal pedaggio autostradale se ci muoviamo all'interno della regione.

Anche l'aeroporto ha fatto passi da gigante. Ora ci sono persino 3 voli al giorno per Milano e due diretti alla settimana per New York. Che ai perugini andare a Manhattan e postare le foto su FB in tempo reale gli è sempre piaciuto un sacco. Ma pure a livello social i progressi non sono mancati. I siti istituzionali sono tutti in quattro lingue e non c'è più traccia di traduzioni maccheroniche. I politici umbri hanno finalmente imparato a twittare: fanno tweet da 140 caratteri senza ricorrere costantemente al rinvio a Facebook e hanno capito che menzionare 20 persone in un tweet più che auto-promozione è stalking. Lo slogan dei candidati alle elezioni del 2020 è diventato: “Più fatti, meno selfie”. L'applicazione ufficiale di Umbria Jazz finalmente è performante. E puoi persino prenotarti da cellulare al concerto di chiusura all'Arena, quello di Briga. Sì, il jazz, e soprattutto il festival, negli ultimi 5 anni hanno subito alcune contaminazioni...

A Perugia la viabilità fa progressi. Grazie al tram-treno si può arrivare al Santa Maria della Misericordia senza impazzire e si può persino salire in centro con il tram, scendendo alla fermata di raccordo di piazza Partigiani. Certo, prima o poi, qualcuno si ricorderà anche di riaprire via Sant'Antonio.

Infine la Lega Nord che aveva deciso di puntare sull'Umbria è finalmente riuscita a sfondare. E Salvini è stato eletto sindaco di Giano dell'Umbria. Folle di fotografi lo accolgono acclamanti ogni volta che deve indossare una felpa per recarsi nella vicina Bastardo.

L'editoriale n.97
   
Matteo Grandi

A due anni leggeva Proust, parlava perfettamente l'inglese, capiva il francese, citava il latino e sapeva calcolare a mente la radice quadrata di numeri a quattro cifre. Andava al cinema, seppur accompagnato dai genitori, suonava il pianoforte, viaggiava in aereo, scriveva poesie e aveva una fitta corrispondenza epistolare con l'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini. A sei anni ha battuto la testa cadendo dagli sci. Del bambino prodigio che fu restano l'amore per il cinema, per la scrittura e per le feste natalizie. I segni del tracollo sono invece palesati da un'inutile laurea in legge, da un handicap sociale che lo porta a chiudersi in casa e annullare appuntamenti di qualsiasi genere ogni volta che gioca il Milan e da una serie di contraddizioni croniche la più evidente delle quali è quella di definirsi "di sinistra" sui temi sociali e "di destra" su quelli economici e finanziari. A trent'anni ha battuto di nuovo la testa e ha fondato Piacere. Gli piacerebbe essere considerato un edonista; ma il fatto che sia stata la sofferenza (nel senso di botta in testa) a generare il Piacere (nel senso di magazine) fa di lui un banalissimo masochista.