Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Sardegna e Costa Smeralda, l'incanto ritrovato

Scritto da 
0
|| || ||
Alla scoperta dell'Isola per eccellenza
La fine di settembre è senz’altro uno dei periodi migliori per visitare la Sardegna. Il clima è ancora mite, ma l’isola è un incanto fuori dalla morsa dei picchi turistici di luglio e agosto. Il modo migliore per godere appieno delle spiagge incontaminate di Budoni, della tranquillità di San Teodoro o delle bellezze di Porto Rotondo e Porto Cervo.

Il consiglio è quello di arrivare a Olbia, centro nevralgico e strategico della Sardegna nord-orientale. A questo punto potete scegliere una base da cui partire, come per esempio il paese di Porto San Paolo, piccolo, comodo e a misura d’uomo a una quindicina di chilometri a sud di Olbia e utilizzarlo come base per visitare le meraviglie circostanti, fatte di mare e natura, splendide spiagge, bellissimi maneggi, ma anche profumi e sapori di Sardegna. Un’isola generosissima in questo senso, con il suo miele, il suo mirto, il suo pesce, gli incredibili formaggi, pecorini in primis, i suoi vini, ma anche i suoi piatti tipici, come culurgiones, fregola e seadas.
Ma andiamo con ordine.




Fra le mete da visitare sono imperdibili San Teodoro, a 9 km da Porto San Paolo, incantevole paesino facile da girare circondato da belle spiagge e con una ricca scelta di locali e localini per cena. Spostandosi più a nord una visita la merita Porto Cervo (in barca sarebbe l’ideale), icona della dolce vita anni ‘80 che oggi è ancora un luogo elegante, seppur caro, sempre molto piacevole da vivere: magari con una sosta da Nuna in piazzetta, per un piacevole drink e un aperitivo non banale.

E ovviamente Porto Rotondo, la località più vivace, più al passo con i tempi e forse anche più bella della Costa Smeralda. Porto Rotondo è bella da visitare a piedi, in barca o semplicemente adagiandosi su una delle sue spiagge.

LA SPIAGGIA IMPERDIBILE
Una delle spiagge più belle, a pochi passi da San Teodoro, è la spiaggia de La Cinta, 5 chilometri di sabbia bianca e soffice di fronte a un mare cristallino: uno spettacolo unico. A Nord di Olbia da segnalare White Beach a Golfo Aranci, bello lo stabilimento, buono il ristorante.





DOVE MANGIARE

Il nostro colpo di Fulmine è scattato per La Tavernetta, ristorante di pesce e cucina tipica molto curato a Porto Taverna, fra Porto San Paolo e San Teodoro: menù intrigante, piatti buonissimi, personale attento e gentile e posizione unica, di fronte al mare con vista sulla tavolara. Consigliatissima la grigliata di crostacei.




DOVE ALLOGGIARE

Una soluzione molto confortevole è rappresentata dall’Hotel Don Diego a Porto San Paolo. Immerso nel verde, di fronte al mare, con spiaggia privata, piscina di d’acqua salata, belle camere e bungalow diffusi nella pineta e ristorante fronte mare. Comodo, bello e rilassante.
Sardegna e Costa Smeralda, l'incanto ritrovato
   
Pubblicato in Rivista
Etichettato sotto