Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Dieci cose da non dire mai a un freelance In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||
La vita di noi freelance è già abbastanza complessa, potete evitare cortesemente di infierire con uscite e domande assolutamente inappropriate?

Ecco dieci cose da non dire mai a un freelance.


- Ma quindi tu per chi lavori?!

- Vado a casa che IO domani devo alzarmi presto per andare a lavoro.

- Beato te che puoi lavorare da casa.

- Beato te che puoi staccare dal lavoro quando ti pare.

- Beato te che puoi decidere di rifiutare un lavoro o un cliente.

- Qualsiasi frase che contenga le parole “beato te”.

- Qualsiasi frase che contenga le parole TFR o liquidazione.

- Quando vai in ferie?

- Perché lavori se sei malato?

- Il pagamento è a 90 giorni.

- Ce la fai a consegnarmi il lavoro entro la fine della settimana?

 

Dieci cose da non dire mai a un freelance
   
Isabella Zaffarami

Moglie e mamma, prova a fare anche la giornalista. Molto curiosa, abbastanza coraggiosa e un po’ capricciosa. È spesso in ritardo, ma solo perché odia aspettare. Ama il giallo, le margherite, il mare e il tiramisù. Un tempo amava dormire fino a tardi, oggi ama andare a letto presto. Ama la sua città, Todi. Ama le parole, quelle già scritte e quelle ancora da scrivere.