Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

#Tenyearschallenge: sfida persa In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||
Ecco perché secondo me dieci anni fa stavamo tutti un po’ meglio
Innanzitutto perché condividere aveva a che fare solo con un’idea, un sogno, una stanza, un pezzo di pizza, un pezzo di vita – o una vita intera – e non con post idioti, notizie false, immagini contraffatte, informazioni manipolate.

Fino a dieci anni fa il diario era quella cosa bellissima che accoglieva le nostre riflessioni più intime e le nostre emozioni più inconfessabili e a rileggerlo, magari dopo qualche anno, ci regalava un racconto di noi stessi straordinariamente autentico. Ed era bellissimo anche perché era segreto e si nascondeva in fondo ai cassetti o si teneva sotto chiave per paura dell’invadenza di mamme e fratelli. Oggi i diari sono quelli dei nostri profili Facebook: immagini e pensieri filtrati e deformati dalla brama di Like e dalla paura di commenti negativi.

Dieci anni fa gli amici erano quelli con i quali uscivamo, dei quali ci fidavamo, ai quali volevamo davvero bene. E magari qualche volta ci litigavamo pure sì, e non erano di certo migliaia, ma quando avevamo bisogno di aiuto, quei pochi c’erano davvero e mai ci saremmo sognati di “bloccarli” o “rimuoverli”.

Dieci anni fa di sicuro non avremmo voluto aver a che fare con qualcosa di virale mentre oggi un contenuto si definisce virale quando ha grande successo, ma certe volte può essere comunque più pericoloso di una malattia infettiva.

Fino a dieci anni fa i filtri che ci tenevano tanto impegnati erano quelli delle sigarette fatte a mano e a riportarci alla mente i ricordi erano parole, luoghi, sapori e odori, di certo non algoritmi studiati in base a logiche di marketing.

Dieci anni fa i cinguettii erano solo quelli degli uccelli e quindi non erano mai scorretti, maleducati, offensivi o violenti.

E soprattutto, dieci anni fa, i cookie si mangiavano e basta e solo quando ne avevamo davvero voglia, e magari facevano pure ingrassare, ma oggi? Siamo costretti ad accettarli continuamente, decine di volte al giorno, e ad ingrassare non siamo noi, ma un sistema sempre più fagocitante e ambiguo.

Ci saremo pure divertiti col #tenyearschallenge, ma questa sfida ho come l’impressione che la stiamo perdendo alla grande.

#Tenyearschallenge: sfida persa
   
Isabella Zaffarami

Moglie e mamma, prova a fare anche la giornalista. Molto curiosa, abbastanza coraggiosa e un po’ capricciosa. È spesso in ritardo, ma solo perché odia aspettare. Ama il giallo, le margherite, il mare e il tiramisù. Un tempo amava dormire fino a tardi, oggi ama andare a letto presto. Ama la sua città, Todi. Ama le parole, quelle già scritte e quelle ancora da scrivere.

Altro in questa categoria: « Ecco perchè sono sempre in ritardo