Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

Ecco perchè sono sempre in ritardo In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||
Sono sempre in ritardo perché adoro perdere tempo, gingillarmi, ciondolare tra il bagno e la camera e buttare quei 10/20 minuti che mi permetterebbero di arrivare puntuale

Sono in ritardo perché non ho tempo, non ho davvero mai tempo per fare quelle cose che poi finisco per dover fare indispensabilmente prima di un appuntamento: la ricrescita delle sopracciglia, l’aggiornamento del sistema operativo, stendere la lavatrice, buttare la plastica.

Sono in ritardo perché odio profondamente chi arriva in anticipo.
Ma perché arrivate in anticipo? Come fate? Io per non rischiare, quando penso di essere in anticipo, mi fermo e leggo tutte le chat silenziose di whatsapp, elimino i media inutili dalla memoria, scarico la pec, controllo l’estratto conto e magari provo anche a farmi un selfie, ma poi lo cancello subito così in memoria restano davvero solo i media utili. E alla fine arrivo ancora più tardi del solito.

Sono sempre in ritardo perché odio aspettare. Sì, è anche questa la verità: odio chi arriva in anticipo, ma odio anche chi ti fa stare lì in attesa, chi arriva in ritardo, odio quelli come me insomma. Potreste cortesemente spaccare tutti quanti il minuto e poi aspettarmi senza stressare troppo che la mia vita è già così complicata? Grazie.

Sono sempre in ritardo anche perché penso che chi ha davvero voglia di vedermi è disposto ad aspettarmi: e invece è ogni volta, sistematicamente, un vaffa, ‘zz hai fatto finora, possibile che non riesci mai a essere puntuale, la prossima volta non mi ci trovi.

E soprattutto sono sempre in ritardo perché, in fondo in fondo, li adoro i ritardi.

Quelli che al quinto giorno l’ansia ti consuma, la paura e la speranza fanno a botte nel tuo stomaco, un attimo ti sembra di sentire lancinanti dolori mestruali e l’attimo dopo hai la sensazione che qualcuno stia già scalciando dentro di te, la paranoia è alle stelle, gli ormoni pure, ma non sai ancora di quali si tratta... e poi, magari, arrivano la seconda lineetta, le lacrime, il pancione, la vita.

I ritardi possono essere davvero una cosa meravigliosa.

 

 

Ecco perchè sono sempre in ritardo
   
Isabella Zaffarami

Moglie e mamma, prova a fare anche la giornalista. Molto curiosa, abbastanza coraggiosa e un po’ capricciosa. È spesso in ritardo, ma solo perché odia aspettare. Ama il giallo, le margherite, il mare e il tiramisù. Un tempo amava dormire fino a tardi, oggi ama andare a letto presto. Ama la sua città, Todi. Ama le parole, quelle già scritte e quelle ancora da scrivere.

Altro in questa categoria: « Sei la Nazionale del 2018