Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

Sei la Nazionale del 2018 In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||
Estate: stagione di amori intensi ma molto spesso fugaci. A volte tuttavia succede che uno dei due si innamori davvero e così per l’altro si crea una situazione certamente spiacevole
Bene, se voi siete l’altro, ecco un elenco di cose molto efficaci da dire per liberarvi definitivamente e anche alla svelta del flirt non più desiderato…

 

  • Sei più ammorbante delle comunicazioni sul nuovo regolamento privacy
  • Sei peggio di mia madre che mi telefona per chiedermi le sue password
  • Sei peggio di mia madre che mi telefona per chiedermi il suo indirizzo email
  • Piuttosto che stare con te andrò finalmente da zia per risolverle “quella cosa al computer
  • [Anche se non è siciliana] Staremo finalmente insieme quando avranno realizzato il Ponte sullo Stretto
  • [Solo per lettori di Perugia e dintorni] Staremo finalmente insieme quando, all’uscita dal lavoro, non incontrerò code alle gallerie
  • Ricorderò questa estate 2018 con lo stesso piacere con cui Mattarella ricorderà la primavera scorsa
  • Io e te siamo compatibili come Matteo Salvini e il ministero dell’Interno
  • Preferirei avere a che fare con la famiglia di Meghan Markle piuttosto che con la tua
  • Sei la Nazionale… del 2018
Sei la Nazionale del 2018
   
Isabella Zaffarami

Moglie e mamma, prova a fare anche la giornalista. Molto curiosa, abbastanza coraggiosa e un po’ capricciosa. È spesso in ritardo, ma solo perché odia aspettare. Ama il giallo, le margherite, il mare e il tiramisù. Un tempo amava dormire fino a tardi, oggi ama andare a letto presto. Ama la sua città, Todi. Ama le parole, quelle già scritte e quelle ancora da scrivere.

Altro in questa categoria: « Lavorare digital