Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

La fata turchina non va in vacanza In evidenza

Scritto da 
0
La fata turchina non va in vacanza

“[…] da sempre tu sei quella che paga di più, se vuoi volare ti tirano giù e se comincia la caccia alle streghe. la strega sei tu […]” (E. Bennato)

Pinocchi e Cenerentole sanno bene che senza una fata sarebbe tutto più difficile.

Giovane o meno giovane, arriva in un baleno, puntuale, al momento e nel luogo giusto.

Ti conforta, ti insegna, ti sgrida, ti perdona, ti culla…ti trasforma in un bambino vero o magari ti manda al ballo con un vestito da far invidia alle sorellastre di tutti i regni possibili!

Bravi i principi, i cavalieri, per i baci che risvegliano dai sonni e le torri liberate…ma questi entrano nella storia all’ultimo momento e in grande stile mentre prima qualcuno già si sta sbattendo di qua e di là a trovare una soluzione tra gatti, volpi, pescecani, matrigne, topolini parlanti, carrozze che somigliano a zucche (o il contrario?!) e castelli incantati.

La fata no.

La fata si prende a cuore la sorte del poveretto o della poveretta o del comune mortale o dell’essere inanimato che però dimostra di aver cuore.

C’è sempre, che sia la sua ombra o chi per lei (grilli, fatine minori, etc etc).

Appare e scompare, aiuta e predica, si commuove e benedice e se ne vola via chissà dove e chissà con chi.

Magari, sempre in giro, non ha neanche una relazione stabile… ammaliatrice e sognatrice, a volte saggia e a volte ingenua.

Oggi la fata prende la metro, si sente diversa dagli altri e sta bene da sola, è una punk con i capelli turchini, al posto della ali ha uno zaino e al posto della bacchetta tiene in mano un cellulare.

Magari qualcuno ha bisogno di lei e la sta già chiamando…

La fata turchina non va in vacanza
   
Giorgia Bazzanti

Cantante laureata in Lettere. Tra musica e teatro, ha aperto due concerti di Finardi e ha realizzato un Ep come cantautrice. Social ma anche socievole. Collabora con festival e con progetti scolastici. Quando non canta, scrive.