Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

EXIT: piano di fuga In evidenza

Scritto da 
0
EXIT: piano di fuga

Lui: Cerco l’uscita d’emergenza. Lei: Per scappare?

Lui: Se ce ne fosse bisogno.

Lei: Se ci fosse la possibilità.

Lui: Se ci fosse l’esigenza.

Lei: L’esigenza c’è!

Lui: Il bisogno anche!

Lei: La possibilità pure!

Lui: E allora perché non scappiamo?

Lei: Non lo so.

Lui: Pigrizia?

Lei: Mancanza di organizzazione.

Lui: Non serve un piano di fuga.

Lei: Almeno una strategia.

Lui: Serve non aver paura.

Lei: Non dire quella parola.

Lui: Paura?

Lei: Smettila!

Lui: Ti fa paura?

Lei: Ti prego.

Lui: Terrore?

Lei: Meglio.

Lui: Spavento?

Lei: Sì.

Lui: Paura?

Lui: Scusami.

Lei: Dovrei andare verso il nord.

Lui: Per?

Lei: Scappare!

Lui: Hai quattro alternative, una sola scelta e un tempo limitato.

Lei: E una grande forza di volontà!

Lui: Non credo.

Lei: Neanche io.

Lui: Dicevo che non credo in te.

Lei: Neanche io.

Lui: In me?

Lei: In me!

Lui: Allora non puoi scappare.

Lei: Hai ragione, meglio di no.

Lui: Restiamo qui?

Lei: Restiamo qui.

Lui: Hai un mazzo di carte?

Lei: Sì, ma ne mancano due.

Lui: Va bene lo stesso. Meglio di niente.

EXIT: piano di fuga
   
Daniele Aureli

Nasce a Terni il 29 novembre di un caldo 1983. Grassottello e capellone mangia e piange al ritmo di una musica d’annata. Crescendo tra un fumetto di Topolino e un cartone animato, diventa alto e snello ma un po’ meno capellone. Capisce così che la vita è una clessidra: passa il tempo e tutto può essere capovolto (la prossima vita comprerà un orologio a pendolo). Esordisce come attore a dodici anni, ottenendo una buona critica dai suoi vicini di casa per la difficile interpretazione della Carmen di Bizet. Da quel giorno la sua famiglia perde la speranza di crescere un figlio normale.
Diplomato al Liceo Scientifico Donatelli di Terni, diplomato in solfeggio e clarinetto al Conservatorio Briccialdi di Terni, laureato in Scienza e Tecnologie della Produzione Artistica, diplomato all’Accademia di recitazione Mumos. Un giorno prenderà tutti i diplomi, li appenderà in un bar nei pressi di una spiaggia brasiliana e si specializzerà nel mojito.

E’ attore e drammaturgo della compagnia di teatro Occhisulmondo e collabora con varie riviste italiane. È possibile incontrarlo la notte in compagnia di un bicchier di vino rosso. Al di là di questo, riesce ad essere anche una persona seria.

Altro in questa categoria: Lui e Lei. Un passo alla volta. »