Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

La ristorazione fra emergenza, domicilio e futuro... In evidenza

Scritto da 
0
||
Perugia, ventesimo giorno di quarantena o giù di lì. Per la cena di questa sera ho deciso di affidarmi a uno dei ristoranti della città che in questo periodo stanno provando a fare servizio a domicilio.
Ho ordinato attraverso la pagina Facebook e pagato pochi minuti dopo su Paypal, a questo punto devo solo aspettare la consegna, intorno alle 21:00. Lo stesso avrei potuto fare per il vino, tante le cantine e le enoteche che si sono organizzate per consegnare ai propri clienti in queste settimane così strane, durante le quali il tempo sembra essere sospeso o quasi.

Soluzioni temporanee che possono forse limitare almeno un po’ i danni e aiutare in termini di immagine, ma non se ne esce: questa è destinata a essere una delle più gravi crisi che il settore abbia mai conosciuto. Se per alcuni beni - un’automobile o un frigorifero - l’acquisto è stato magari solo rimandato le cene e le bottiglie di vino di questi mesi (per non parlare dei viaggi) non verranno recuperate. Sono andate, pezzi di fatturato che non sono destinati a tornare. Considerazione peraltro valida solo per chi riuscirà a cavarsela, diverse le insegne che saranno costrette alla chiusura.

Non solo. La ristorazione che abbiamo conosciuto fino a oggi quando tornerà, tale e quale? Quando il Paese finalmente “riaprirà”, quanto dovranno essere distanti i tavoli, l’uno dall’altro? Sarà ancora possibile mangiare e bere al bancone, a poche decine di centimetri dal barista o dal cameriere? E i menù, andranno sterilizzati dopo ogni utilizzo? I cestini del pane saranno solo monouso? La capacità di spesa dei clienti sarà la stessa? E potrei continuare. Nessuno ha (ovviamente) risposte pronte, quello che appare però certo è che tutta la ristorazione dovrà porsi domande anche solo inimmaginabili un mese fa. Problematiche reali, concretissime quanto spaventose, relative non solo alla gestione dell’emergenza ma anche al modello della propria proposta, con ripercussioni enormi su tutta la filiera di approvvigionamento. Con la speranza di tornare a brindare con lo stesso entusiasmo di sempre, il prima possibile.

 

Pubblicato in PM TopNews
Jacopo Cossater

Nato in Veneto, appena maggiorenne si trasferisce a Perugia per motivi di studio. È più o meno in quel periodo che si innamora del sangiovese, completa il percorso dell'Associazione Italiana Sommelier ed apre un blog, non necessariamente in quest'ordine. Dopo aver vissuto per troppo tempo a Milano e troppo poco a Stoccolma è tornato in Umbria, dove oggi lavora. Giornalista, collaboratore della guida "I Vini d'Italia" edita da l'Espresso, scrive anche su Enoiche illusioni e Intravino, due dei più popolari wine blog italiani.