Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

I Melancholia, PM ha incontrato la band rivelazione di Foligno

Scritto da 
0
|| || ||
Passione, sacrifici e una nuova visione della musica: “Siamo stati un anno in studio a lavorare, sperimentando e spingendoci verso nuovi orizzonti. Non vediamo l’ora di tornare”
Testo: Alessandro Cascianelli - Brano: “Venom” - Melancholia

Se la musica fosse un cocktail, il loro sarebbe composto da tanti ingredienti: una base di pop, un po’ di rock e un pizzico di rap, per rendere il gusto inconfondibile. Si chiamano Melancholia e sono una band che si sta facendo strada nel panorama musicale italiano e internazionale, partendo da Foligno, il centro del mondo e, in questo caso, anche della buona musica. Il progetto musicale è nato nel 2015 dall’unione di tre menti: quella di Benedetta Alessi (voce), Fabio Azzarelli (tastiera) e Filippo Petruccioli (chitarra). In poco tempo la formazione folignate ha attirato l’attenzione di molti addetti ai lavori, grazie anche alla partecipazione a diverse rassegne molto rilevanti su scala nazionale e non solo, come l’Emergenza Festival dove si sono imposti davanti a 1700 band provenienti da tutto il mondo. Ora, dopo un anno di lavoro in studio, stanno per ritornare sulla scena con un disco che li descrive perfettamente e che racconta il sogno di tre ragazzi di provincia, che amano la musica in tutte le sue sfumature.


Come è nato il vostro progetto musicale?

È nato dalla voglia di realizzare alcune cover tastiera e voce, all’inizio le facevamo in modo molto artigianale in un piccolo corridoio con una vecchia tastiera e una chitarra acustica. Poi fare musica ci piaceva sempre di più e abbiamo deciso di comprare degli strumenti più professionali e di creare un piccolo studio, la nostra “caverna”, che tuttora usiamo per provare e concepire nuove idee.


Il nome Melancholia evoca un immaginario molto scuro, perché l’avete scelto?

È il messaggio che è nascosto in ogni pezzo, è quella parola che non viene mai detta, ma che c’è sempre. È un’evocazione rappresentativa del nostro essere, significa “umore nero” ed è un po’ il mood dei nostri brani e del nostro sound. La cosa buffa è che l’abbiamo scelto in un modo piuttosto casuale e simpatico: un giorno sfogliando il libro di filosofia delle superiori l’abbiamo letto e da lì ce lo siamo cuciti addosso.