Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Massimiliano Gatti, l'uomo che sussurrava ai bisonti

Scritto da 
0
|| || ||
A Panicale il primo allevamento di bisonti italiano, hi-tech e allo stato brado
Testo: Isabella Zaffarami - Brano: “Tomorrow” – Mika


“Il bisonte è emozione, è spiritualità, è saggezza, è vita. Più che una storia di imprenditoria di successo, quella che ha come protagonisti Massimiliano Gatti e i suoi bisonti è una storia d’amore. La scintilla è scoccata nel 2015, grazie a un primo assaggio che il giovane umbro ha fatto della pregiata carne di questo leggendario mammifero. Da quel momento sono iniziati lo studio e la ricerca: a New York un secondo assaggio ha segnato questa straordinaria vicenda, l’assaggio di carne di bisonte, ma questa volta non di importazione. 

“Tutto un altro sapore, tutta un’altra consistenza, ancora più sorprendenti e unici - spiega Massimiliano Gatti - così ho capito che la mia strada doveva essere quella di allevare bisonti in Italia”. Il suo, oggi, è il primo allevamento hi-tech di bisonti italiani. 

Si trova a Panicale dove a maggio 2018 sono arrivati i primi 17 colossi. Animali impressionanti da tanti punti di vista: corrono fino alla velocità di 60 chilometri orari, saltano oltre a un metro e mezzo di altezza, pesano fino a 6 quintali l’uno. Irrequieti, indomabili, con una spiritualità profonda e una storia importante. Per conoscerli fino in fondo Gatti ha studiato il loro rapporto con i sioux, un popolo la cui vita è girata per millenni intorno a quella dei bisonti. 


Illuminante è stato l’incontro con Alessandro Martire, delegato della Nazione Lakota Sioux in Italia e presso l’Alto Commissariato dei Diritti dell’Uomo di Ginevra. “Per i nativi americani - commenta l’allevatore - questo splendido bovide rappresentava davvero tutto: il cibo, ma anche la protezione, grazie alla sua pelle, e il calore, con la lana ricavata dal suo vello. Ho imparato da loro quanto possa essere prezioso il bisonte e mi sono ispirato al loro stile di vita nell’impostare la mia attività”


Una carne eccezionale, che si scioglie in bocca, ma anche la pelle, la lana, le ossa: tutto nel bisonte è prezioso e viene utilizzato dando vita a prodotti artigianali di alta qualità