Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Il turismo, cosa fa e cosa farà concretamente l’umbria? In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||

Sviluppo del turismo, cosa apparentemente semplice, tanti rappresentanti delle istituzioni politiche locali ne parlano, ma quanti veramente hanno le competenze giuste e sanno cosa fare?

Insomma sono slogan o intenzioni? Pur essendo uno dei settori economici più fiorenti, il mercato del turismo deve fare i conti con le sfide che caratterizzano la società odierna e qui entriamo in un ambito strettamente territoriale politico. Lo sviluppo del settore turistico deve essere un obbiettivo centrale per la nostra Regione. E occorre lavorare su due temi: recupero e valorizzazione del patrimonio immobiliare, conservazione del patrimonio naturale e protezione delle comunità locali con la valorizzazione delle culture e tradizioni. L’estate scorsa sono stato ad una assemblea pubblica in cui è stato presentato il “Master Plan della Regione per lo sviluppo del turismo in Umbria per i prossimi 5 anni”, posso solo dire che sono stato preso da uno sconforto tremendo per quanto ho sentito raccontare... Chi erano i viaggiatori del 2019 e prima ancora del 2018 del 2017 ecc.? Al’interno delle nostre istituzioni locali chi deve occuparsi di questo settore sa davvero rispondere a questa semplice domanda ? I dati trasmessi dal World Tourism Organization (UNWTO), l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di promuovere e monitorare lo sviluppo di un turismo responsabile e sostenibile, evidenziano un aumento costante del mercato turistico, sia in termini di visitatori che di spese legate al settore.
Circa 1,4 miliardi di turisti, il 5% rispetto all’anno precedente, hanno viaggiato in tutto il mondo nel 2018, generando una spesa globale di circa 1.450 miliardi di dollari, che sale a circa 1.700 se consideriamo anche il trasporto di passeggeri. L’Italia si trova al quinto posto della classifica, con 62 milioni di turisti. Sempre secondo i dati trasmessi, sono principalmente due i trend seguiti in questo anno appena passato: il primo è il viaggio “per cambiare”, alla ricerca dell’autenticità, cercando di assorbire le tradizioni locali, mentre il secondo è il viaggio “per mostrare”, in cui le destinazioni, le esperienze e i momenti vissuti vogliono essere condivisi sui social. Chi ci amministra deve avere ben chiaro quale beneficio economico e quanto prestigio diretto e indiretto possono portare i flussi turistici a lungo termine ( e non il week end mordi e fuggi). ABBIAMO BISOGNO di azioni economiche sostenibili nel campo del turismo, per dare valore internazionale al nostro territorio, che si tramuti in fonte di guadagno e Posti di lavoro. Dopo 50 anni l’Umbria ha vissuto un solenne cambiamento, vediamo cosa saprà produrre in questo delicato settore.

Il turismo, cosa fa e cosa farà concretamente l’umbria?