Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Il Gossip ai tempi di Facebook

Scritto da 
0
Il Gossip ai tempi di Facebook
A chi non è capitato di essere soggetto di pettegolezzo, all’università al lavoro e in altri luoghi, di sentire quegli insopportabili bisbigli, iniziare una volta che si dava le spalle a dei perfetti sconosciuti.

Quello che oggi fa tremare ed a volte strappare qualche sorriso a studenti, è proprio come nella nostra città, è lo Spotted Unipg.

Per coloro che hanno visto e rivisto ,come il sottoscritto, il telefilm Gossip Girl la parola “Avvistato” vuol dire obbligatoriamente qualcosa: Non è altro che l’inizio del monologo della misteriosa blogger che racconta i pettegolezzi della gioventù agiata dell’upper east side di Manhattan, e in un certo senso il meccanismo è proprio lo stesso, ma le “vittime” prese di mira sono, gli studenti universitari e i professori.

Un amministratore o più persone dalle identità top secret aprono una pagina facebook e da lì i ragazzi possono inviare i loro segreti, i loro tradimenti, gli incontri delle loro notti brave al Mercoledì Rock o altri locali e le loro avventure e perdita di dignità a feste universitarie.

Il gestore della pagina che li riceve, con messaggio privato una volta letti li pubblica, coprendo ovviamente il nome di chi ha inviato la rivelazione, quindi il tutto resta anonimo.

Da qui partono commenti, discussioni e scommesse su a chi sia rivolto il messaggio (o da chi provenga). L’argomento più discusso, ovviamente, è l'amore, quindi libero sfogo alle dichiarazioni d’amore per la ragazza avvistata in aula o il ragazzo incontrato in corridoio.

Ma come è nato questa fenomeno che a Perugia ha raggiunto più di quindicimila likes?

Le origini delle pagine Facebook “Spotted” risalgono al 2010, quando nell’Università di Londra uno studente decide di creare un sito dove lui e i suoi amici possono scrivere commenti sulle ragazze universitarie in maniera anonima. In meno di due mesi erano state raggiunte le 250.000 unità, ma dopo aver ricevuto diversi reclami e proteste il sito è stato chiuso.

Spotted Unipg non è solo bacheca per cuori solitari ma anche dispensatrice di perle di rara saggezza ,come alcune affermazione di studenti presi dall’esaurimento nervoso in procinto di sessioni di esami ,foto imbarazzanti di casi umani per i quali ti chiedi come sia possibile che madre natura sia stata così beffarda con loro.

Oltre il lato ludico questa pagina, è stata usata in maniera intelligente da studenti come strumento di denuncia di malfunzionamenti all’interno delle strutture dell’ateneo: dalle classiche infiltrazioni d’acqua fino ad arrivare alle scarse condizioni igieniche di molti locali che dovrebbero essere adibiti allo studio.

Un caso particolare delle scorse settimane è stato il caso dei colloqui raggiri che grazie alle denunce degli studenti sono stati riportati sui quotidiani, delle volte del sano pettegolezzo è riuscito a smascherare come in questi casi dei ciarlatani;come dire che delle volte non tutto il gossip viene per nuocere.

 

Il Gossip ai tempi di Facebook
   
Pubblicato in Civic 97
Marco Piscedda

Marco Piscedda nato a Viterbo
Per gli amici detto lo Zingaro a causa delle sue origine miste, perfetto mix di sardo veneto laziale e abruzzese.
Studente quasi laureato per sbaglio in Giurisprudenza a Perugia.
Speaker radiofonico per la radio universitaria perugina dove può sfogare la sua logorroica verve.
Sogno nel cassetto? Diventare giornalista conduttore radiofonico e scrivere un libro sulle sue innumerevoli avventure universitarie nel perugino.

Altro in questa categoria: La Woodstock Universitaria »