Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

Capolavori In evidenza

Scritto da 
0
Capolavori
“…Non insegnate ai bambini ma coltivate voi stessi, il cuore e la mente; stategli sempre vicini, date fiducia all'amore, il resto è niente…” (G. Gaber)

Leo ha cinque anni e mezzo.

E’ entrato al laboratorio di arte con occhi attenti e silenziosi. La mano aggrappata al vestito della mamma e un passo piccolo ma spedito.

“Io qui non ci rimango!”

Leo abbassa lo sguardo, si gira e non risponde alle domande.

Parole e gesti obbligati non gli piacciono.

Prendo un foglio e un colore e lo guardo con altrettanta furbizia.

Incuriosito, accetta il gioco come una sfida.

“Disegna con me” e a poco a poco la creatività e la curiosità esplodono spontanee.

Ogni forma assume significato senza perdere libertà.

Il silenzio si trasforma in domande sul mondo e risate di gusto.

Le mani sono sporche di colla vinavil e pennellate di colore. Per terra, ritagli di fogli e carta velina. Eppure tutto ciò somiglia a un istante di felicità regalata.

Un caos che mette ordine dentro.

Un gioco d’arte che, tra serietà e sensibilità, insegna a vivere, ad esser grandi, a riconoscersi piccoli.

 

 

Capolavori
   
Pubblicato in Chiave di G
Giorgia Bazzanti

Cantante laureata in Lettere. Tra musica e teatro, ha aperto due concerti di Finardi e ha realizzato un Ep come cantautrice. Social ma anche socievole. Collabora con festival e con progetti scolastici. Quando non canta, scrive.

Altro in questa categoria: « Settembre Rosso Noir »