Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

L'immobiliare secondo me In evidenza

Scritto da 
0
||

È tempo di occasioni. Tante le novità per trasformare la crisi in opportunità

Sul fronte immobiliare continuano a emergere novità importanti da tenere in grande considerazione. Le domande (entrate in vigore dal 1 luglio scorso) resteranno a disposizione fino al 2021. Per le sole case popolari ci sarà la possibilità di arrivare fino ai primi sei mesi del 2022. 

Una novità importantissima riguarda la possibilità dell’estensione degli interventi anche sulle villette a schiera e delle case singole dove si aggiunge anche la possibilità di installare con lo sconto fiscale del 110% le caldaie a biomassa. 

Il limite di spesa di interventi ammonta a 50.000 € per le unità immobiliari situate all’interno di edifici pluri-familiari che hanno ingresso indipendente. Per gli edifici composti da due a otto unità immobiliari il limite di spesa passa dalle 60.000 alle 40.000 €, questo decremento era già stato preannunciato. Il limite di spesa invece per le unità immobiliari nei condomini passa a 30.000 € moltiplicati per ogni unità presente. 

Per la sostituzione di impianti di climatizzazione, caldaia a pompa di calore, la stima del 110% è calcolata sull’ammontare complessivo delle spese non superiore comunque a 20.000 €, se si superano le 8 unità immobiliari, il limite è di 15.000 € per unità. L’agevolazione riguarda anche lo smaltimento e la bonifica dell’impianto sostituito: la sostituzione della caldaia dovrà essere con un massimo di spesa pari a 30.000 €. 

L’unica incognita rimane il superamento delle due classi energetiche guadagnate con il lavoro di efficientazione; il calcolo preventivo fatto da specialisti servirà proprio a verificarne la fattibilità. Il sisma bonus rimane invariato con in aggiunta il 90% di detrazione sulla stipula di un’assicurazione contro rischio sismico. Altra novità importantissima: il 110% di trazione Irpef sarà spendibile anche su due unità immobiliari dello stesso proprietario. 

Nessun incentivo è previsto per le categorie cosiddette “lusso” ovvero: A1, A8 e A9, nelle quali si trovano case di lusso, ville, castelli. È compreso nella detrazione anche il sistema di accumulo del fotovoltaico. Come anche l’installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici: in tal caso l’intervento dovrà essere eseguito congiuntamente a quelli di supporto termico e di sostituzione delle caldaie.

www.orsinire.it
Perugia: via L. Bonazzi, 41
Roma: via Leonina, 16
T. 075 3748369 · M. 349 1411515

 

 

 

Pubblicato in PM TopNews
Etichettato sotto

Ultimi da Davide Andrea Orsini