Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Einaudi tra i ghiacci per salvare l'Artico In evidenza

Scritto da 
0
Einaudi tra i ghiacci per salvare l'Artico
Il pianista e compositore ha suonato in mezzo al mare per sostenere Greenpeace
Un'immagine emozionante e una motivazione molto forte sono la base della campagna di Greenpeace per la difesa dell'Artico: il protagonista è il pianista e compositore Ludovico Einaudi, che ha suscitato tanta commozione suonando una sua composizione per piano, "Elegy for the Arctic", su una piattaforma galleggiante fra i ghiacci del Polo Nord, sullo sfondo del ghiacciaio costiero di Wahlenbergbreen, davanti alle coste delle isole norvegesi Svalbard.

L'obiettivo di questa suggestiva campagna di Greenpeace è fermare le attività umane invasive nell'Artico, come trivellazioni petrolifere e pesca intensiva, per preservare l'ambiente naturale.


Proprio in questi giorni, l'OSPAR, la commissione internazionale deputata alla conservazione dell'Atlantico nordorientale, sta discutendo sull'istituzione di un'area protetta di oltre 226mila chilometri quadrati, nelle acque internazionali del Mar Glaciale Artico. Il comitato scientifico dell'OSPAR ha riconosciuto il forte rischio cui il surriscaldamento globale sottopone questa regione, e per questo Greenpeace supporta e chiede l'istituzione di un “Santuario Artico” in cui sia vietata qualsiasi attività industriale ed estrattiva.

"Arrivare qui è un'esperienza incredibile - ha detto Einaudi -. L'Artico non è un deserto, ma un luogo pieno di vita. Ho potuto vedere con i miei occhi la purezza e la fragilità di quest'area meravigliosa e suonare una mia composizione ispirata alla bellezza dell'Artico e alle minacce che subisce a causa del riscaldamento globale. Dobbiamo comprendere l'importanza dell'Artico per proteggerlo prima che sia troppo tardi". Einaudi si è unito all'appello firmato da quasi otto milioni di persone per chiedere alla comunità internazionale di sottoscrivere al più presto un accordo che protegga l'Artico dallo sfruttamento e dai cambiamenti climatici.


 

 

 

 

Video