Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Isola d'Elba, natura incontaminata e mare cristallino

Scritto da 
0
|| || ||
Continuiamo a scoprire le mete incantevoli a poca distanza dall’Umbria
Rispetto ad altre mete che vi abbiamo raccontato in questa rubrica, all’Isola d’Elba bisognerebbe fermarsi a dormire almeno una notte. Perché è vero che Perugia e Piombino (porto d’imbarco per l’isola) sono divise “soltanto” da 230 chilometri, ma è altrettanto vero che la strada non è spedita (vanno messe in conto almeno due ore e mezza di macchina) e che fra operazioni d’imbarco e traversata va calcolata almeno un’altra ora e mezza. Il tutto per un viaggio di oltre 4 ore che necessita d’essere ammortizzato passando almeno una notte sull’isola. Il che rende l’Elba una meta perfetta per un fine settimana settembrino all’insegna del mare ma lontano da mete troppo inflazionate.

E in effetti, una delle prime sensazioni che l’isola riesce a trasmettere è proprio l’atmosfera di luogo incontaminato, sospeso nel tempo (così poco modaiolo da sembrare per certi aspetti ancora ancorato agli anni ‘80) e lontano dal caos. Non che manchino intrattenimento e svaghi: tutt’altro. L’isola, soprattutto d’estate, è frequentatissima e, per quanto il traghetto sia un piccolo scoglio psicologico da superare, resta una delle mete più amate e ambite del Tirreno. Eppure, vuoi per la sua dislocazione, vuoi per i numerosi paesini di cui è costellata, vuoi perché un’isola è pur sempre un’isola, quando arrivi all’Elba hai la sensazione di esserti messo alle spalle lo stress e la concitazione della vita quotidiana.




Fra i paesi che meritano una visita ci sono senz’altro Porto Ferraio, prima località dell’isola dove resta ancor oggi tangibile la permanenza di Napoleone (a tal proposito merita una visita il Museo Nazionale delle Residenze Napoleoniche, palazzina che conserva cimeli e arredi dell’Imperatore, immersa in un giardino con vista sul mare), e l’incantevole Porto Azzurro, un delizioso paesino che si snoda di fronte al mare, fra vicoli caratteristici, belle boutique e ottimi ristoranti. Per quanto riguarda il mare c’è invece soltanto l’imbarazzo della scelta. Le spiagge migliori sono probabilmente Marina di Campo, Fetovaia, Lacona e Procchio, ma ogni angolo dell’isola merita di essere scoperto ed è in grado di regalare un mare da sogno.




Se optate per un week-end, breve o lungo che sia, il suggerimento è per il Grand Hotel Elba International, una struttura classica in posizione panoramica ai piedi di Capoliveri e a due passi da Porto Azzurro, che domina la baia e ha dalla sua due piscine con acqua di mare e un’accogliente spiaggia privata.
Isola d'Elba, natura incontaminata e mare cristallino
   
Pubblicato in Rivista
Etichettato sotto
Claudia Alfonso

30 anni ma non li sente, lotta contro il tempo perché in realtà non vuole invecchiare. Quasi laureata. A volte recita. Ama il divano. Barese. Amante delle cime di rapa. Infinitamente curiosa. Con uno sguardo non ben definito sul futuro. Ma speranzosa e piena di fede.