Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

x
A+ A- T+ T-

Otto Marzo (2015) In evidenza

Scritto da 
0
Otto Marzo (2015)
(Una riflessione di qualche tempo fa, che visto il periodo attuale, riproponiamo) C’hon chiesto de partecipà a st evento pla festa de l otto marzo, ta noaltre sorelle Paqqla che fino a du anne fa nun erme nissuno e adè nvece ce conoscon tutti! Che soddisfazzione...

A ta me, la Peppa, m hon chiesto de scrive na riflessione su sta festa e su le donne, ta me che le feste nun le sopporto e la mimosa me fa nì le bolle!

Com ha da esse la vita....

Tanto per cominci, vurrìa dì che esse donna ntol 2015 e nn Italia è na gran fortuna. Tocca esse sincere: ce poteva gì peggio. Si nascemme nn India magara ce stupravono a 15 anni e pù ce mpiccavono ntna pianta; in Siria adè c’evon rapito e toccava fa le schiave di miliziani. Ma anche senza arivà ta sti estremi, tocca ammette che è na gran cosa che potemo studià, sceglie l lavoro che ce piace, sposacce quanno e con chi ce pare e solo si c’emo voja, fa i fije quanno semo pronte, nun dové rende conto ta nissuno (a parte le nostre mamme, se capisce!); potemo gì a sta per conto nostro, viaggià, scappà con chi ce piace, campamo più di maschi....E alora, nun è che per caso, sotto sotto, hon ragione loro – j omi - quanno ce dicono

“Ma che volete? C’ete la parità...de che ve lamentate?”

De che ce lamentamo? De gnente, nun ve preoccupate, solo del fatto che ta voaltre sta parità nun ve sta bene, che è na parità nun tanto para e che sotto sotto, volete sempre avè l ultima parola.


Punto primo: sta parità nun ve sta bene!

Pare che c’ete fatto n favore, che ce l’ete data come se dà n badarello ta n fiolo scemo per fallo sta bonino e che pù je s’arleva quanno l fiolo c’ha preso troppa confidenza. E nfatti adè nto sto bel paese dua c’emo avuto la fortuna de nasce, si na donna vole la separazzione e ta lu nun je sta bene, che fa? L amazza. Magara anche ncon 35 curtellate, tanto nun è na cosa crudele, è na cosa cussì, tanto per faje l solletico, secondo i giudici (maschi!)

 

Punto secondo: la parità nun è para!

Che vojo dì? Le donne già hon capito: per arivà dua ariva n omo, emo da fatigà l doppio e emo sempre da dimostrà che semo le mejo. Brave freghe, brave fije, brave moje, brave mamme, brave donne n carriera, brave nton tutto, anche ntol letto. E tutto quisto, signori maschi, è na gran fatiga. Voaltre nun el potete sapé.

 

Punto terzo: l ultima parola!

Certo, adè j omi dironno che nun è vero, che da che mondo è mondo le pettegole enno le donne; ma io nun parlo de le discussioni nton casa, parlo dle cose mportanti. Quille che le freghe più cinine manco se rendon conto de quillo che hon voluto dì, perché l’hon trovate già pronte. E nton quiste, j omi l ultima parola nun ce l’hon d avé.

 

La più mportante de ste questioni è quilla de decide si fà o nun fà i fioli, de quanno falli e de come falli. E tuquì, ve vojo dà la mi personalissima upinione: finchè saremo noaltre donne a avecce i dolori e a svenacce tutti i mesi per quasi 40 anni dla nostra vita, finché saremo noaltre a portà le creature ntol corpo e a parturille nchi tribbli che manco tutti j omi d Italia sarìono boni a sopportalli, nun c’ha da esse omo che ce mette becco nto sto argomento: né politico maschio nè omo de Chiesa, perché loro nun ne sonno gnente de quillo che vol dì!


E si le freghe de oggi nun stonno atente, invece de gì aventi se arvà ndietro come i granchi, nun ce vole gnente.

Tira na brutta aria, perché le donne fon comodo, ma le donne libere hon sempre fatto paura, chissà perché.

 

Le vostre affezzionate, a volte anche ncazzate

 

Peppa e Ginetta Paqqla

Otto Marzo (2015)
   
Le Sorelle Paccola

Anna Maria Ortica nasce in Germania, cresce bilingue e apprende dai genitori perugini le prime regole del "donca". Dal 1973 vive a Perugia e ormai non potrebbe più fare a meno delle sue salite e dei suoi scorci. Appassionata di letteratura e di arte, dopo incursioni nel marketing e nel turismo, è approdata all'insegnamento dell'Inglese in un liceo della sua città. Ha pubblicato i suoi primi libri LE SORELLE PACCOLA e I TRIBBLI DLE SORELLE PACCOLA inaspettatamente in perugino, perché, come è solita dire, "le lingue bisogna saperle tutte".