Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

Il tetto come bene-rifugio? In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||

La maggioranza degli italiani predilige gli immobili come beni rifugio da lasciare agli eredi

Eppure sono in aumento quanti - complice l'imposizione sulla casa, in aggiunta ai costi di gestione e mantenimento (necessari per evitarne il deperimento e il conseguente deprezzamento) - reputano gli immobili come beni troppo costosi da mantenere. All'interno di questa nicchia stanno aumentando coloro che guardano a soluzioni alternative, non sentendosi più attratti da questo mercato; persone che scelgono di rifugiarsi nel mondo finanziario, oppure, di avviare attività commerciali da poter lasciare in eredità come rendita.


Le ragioni sono comprensibili: possedere una seconda casa è un costo spesso difficile da sostenere, tra tasse, costi di gestione e investimenti costanti tesi a evitarne il deprezzamento. Ma io mi faccio una domanda: quale attività o investimento finanziario oggi può assicurarci un buon margine senza mettere a rischio il capitale investito? La cronaca degli ultimi anni parla chiaro: esistono numerosi casi di persone rovinate da gestioni finanziarie scellerate dei propri risparmi da parte di individui e istituti bancari senza morale e senza scrupoli.

E allora, vista in quest'ottica la messa a reddito di un immobile (di proprietà oppure da acquisire) può essere una “attività” oculata, capace di generare un duplice effetto: salvaguardare il valore dell’investimento e ottenere una piccola rendita comunque capace di ripagare i costi di gestione, di manutenzione e le tasse collegate all’immobile.

Le potenzialità, per i territori che riescono a creare infrastrutture ricettive adeguate, sono enormi, e in questo caso il mercato estero del turismo gioca a nostro favore. Per esempio, in Toscana l'attenzione non è più monopolizzata dal solo capoluogo Firenze, dove i prezzi al metro quadro sono inaccessibili ai più. Ultimamente l'interesse si sta spostando verso aree meno inflazionate come borghi antichi e meno conosciuti.

Insieme al team con cui collaboro, stiamo lavorando alla realizzazione di una nuova piattaforma che cercherà di soddisfare questo mercato. Uniremo diverse figure professionali, mettendo a disposizione le esperienze maturate in anni di attività ad alto livello, in svariati settori, tutti direttamente legati tra loro. Puntiamo a diventare un punto di riferimento e di supporto.

Una delle nostre priorità è quella di intercettare una parte di turisti che scelgono la sacra triade Roma-Firenze-Venezia, per dirottarli verso le perle della provincia italiana, con l’Umbria come primo e più importante focus.

Ciò che proporremo sarà una gestione diretta e oculata; affiancheremo il proprietario, supportandolo con i nostri consulenti, alleggerendolo di ogni incombenza (qualora ne faccia richiesta nella gestione della proprietà) e facendo una promozione costante dei nostri meravigliosi e sempre troppo poco pubblicizzati territori.


I nostri servizi vi aiuteranno a capire quali sono le leve da sfruttare per ottenere un vantaggio competitivo nei confronti dei propri concorrenti, rispettando la normativa in vigore per guadagnare il massimo dal vostro immobile, oltre a modalità di registrazione, tassazione, adempimenti fiscali e amministrativi.

www.sbpm.it

 

Il tetto come bene-rifugio?
   
Stefano Barzagna

SBpm - Stefano Barzagna Property Management
Via Gregorovius, 18 - Perugia
Via di San Niccolò, 47r - Firenze

www.sbpm.it

Ultimi da Stefano Barzagna