Uso dei cookie

Questo sito non fa uso di cookie per la profilazione in prima persona.
Questo sito fa però uso di cookie tecnici. Questo sito utilizza inoltre embed di codice e servizi esterni. Nell'informativa estesa sono disponibili i link alle terze parti ove negare i cookies dei terzi che possono profilare se attivati dall'utente sul sito del terzo.
Procedendo nella navigazione o cliccando su "Accetto" si acconsente all'uso dei cookie.


Policy Accetto

A+ A- T+ T-

Semi di Chia In evidenza

Scritto da 
0
|| || ||
I semi di chia presentano proprietà nutrizionali degne di essere conosciute. A stupire è soprattutto il loro contenuto di calcio e la presenza particolarmente bilanciata, all'interno di essi, di acidi grassi essenziali, omega3 e omega6
I semi di chia derivano da una specie vegetale che prende il nome di “salvia hispanica”: si tratta di una pianta molto diffusa e conosciuta in Centro e Sud America e che, soltanto da relativamente poco tempo, si sta diffondendo in Europa e in Italia. La salvia hispanica cresce in Messico e in Bolivia e le proprietà benefiche dei semi di chia erano già note a civiltà antiche, come quelle dell’America Centrale e Meridionale: insieme ai fagioli, al mais e all’amaranto, i semi di chia erano un ingrediente fondamentale per l’alimentazione di popolazioni come quelle Azteca e Maya.

Il suo consumo e la scoperta delle sue proprietà benefiche risalgono dunque ad epoche lontane; la stessa parola "chia" è un termine Azteco che significa "forza", vigore. Un cucchiaio di semi di chia, considerato il valore energetico, era considerato la “razione base” di sopravvivenza dei guerrieri Aztechi.

I semi di chia presentano proprietà nutrizionali degne di essere conosciute. A stupire è soprattutto il loro contenuto di calcio e la presenza particolarmente bilanciata, all'interno di essi, di acidi grassi essenziali, omega3 e omega6.



I semi di chia presentano un contenuto di calcio pari a 177 milligrammi per ogni porzione da 100 grammi, il 18% del fabbisogno giornaliero. Contengono acidi grassi essenziali Omega3 per il 20% del loro peso, una caratteristica che li rende affini ai semi di lino e all'olio di lino, altre importantissime fonti vegetali degli stessi. 100 grammi di semi di chia presentano circa 20 grammi di Omega3, una proprietà che li rende la fonte vegetale più ricca di questi acidi grassi essenziali.

Quindi per chiarezza i semi di salvia hispanica contengono:

  • 7 volte più vitamina C rispetto alle arance
  • 5 volte più calcio rispetto al latte
  • 3 volte più ferro rispetto agli spinaci
  • 2 volte più potassio rispetto alle banane
  • 15 volte più magnesio rispetto ai broccoli

 

La salvia hispanica inoltre contiene il 64% di Omega 3 con ALA (acido alfa linoleico), abbondanti bioflavonoidi (antiossidanti) ed è la fonte di Omega3 più sana, più sicura e più ricca del mondo, possiamo considerare che è il prodotto che fornisce grassi essenziali Omega3 senza i problemi di gusto, odore, tossicità, irrancidimento.

Le proprietà dei semi di chia sono molte: possono, ad esempio, essere assunti da chi soffre di diabete, perché costituiscono un alimento a basso indice glicemico; riescono, inoltre, a mantenere sotto controllo il livello della pressione sanguigna e a prevenire le malattie legate all’apparato cardiovascolare. Sono privi di glutine, quindi possono essere consumati anche da chi soffre di celiachia, oltre ad essere indicati per gli sportivi grazie al loro contributo nella produzione di energia, per la formazione delle membrane cellulari, per la sintesi di emoglobina e il trasferimento dell’ossigeno dall’aria al sangue, nonché per il corretto equilibrio ormonale e per la produzione ormonale

La presenza di antiossidanti, ovvero molecole particolari che esercitano una funzione di contrasto contro i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento delle cellule del nostro organismo, è un altro dei fattori che si rivela fondamentale per sottolineare la qualità di questo super alimento.

Calcolando la quantità di tali preziosi elementi in ORAC, unità di misura del potere antiossidante di un alimento, constateremo che 100 grammi di semi di chia hanno un ORAC pari a 8.200, a differenza di 100 gr di mirtilli che ne contengo 2.400.


 
Per non parlare della presenza di fibre. Questi semi possiedono un alto grado di assorbimento dei liquidi e di fatto assorbono moltissima acqua, di conseguenza in seguito al loro consumo viene prodotto un vero e proprio gel all’interno del nostro intestino che funge da ‘spazzino’ eliminando tossine e scorie e aiutando in caso di stitichezza

I semi di chia possono essere assunti crudi nella dose di uno o due cucchiai al giorno come integratore alimentare naturale, oppure possono essere utilizzati come condimento per numerosi piatti tra cui insalate, pasta, risotti, orzo, miglio, legumi ed altri cereali a piacere.

Esiste un utilizzo dei semi di chia ritenuto particolarmente benefico per la pulizia dell'intestino e per favorire il suo funzionamento. Lasciati in ammollo in acqua a temperatura ambiente, i semi di chia, in grado di assorbire acqua in quantità molto superiore al loro peso, sprigionano un gel benefico che può essere assunto come tale al mattino, preferibilmente a stomaco vuoto.

Sono reperibili in farmacia sotto forma di semi in comode bustine da 100 grammi o in negozi naturali: è importante verificare la provenienza da coltivazioni biologiche del Messico dove il terreno è lavorato a mano senza l’aggiunta di pesticidi e sostanze chimiche.

 

LA RICETTA

Polpette di ceci, spinacini e semi di chia

Ingredienti (per circa 15 polpettine)

  • 220 gr di ceci già cotti
  • 100 gr di spinacini
  • 1 spicchio di aglio (se gradito)
  • 1 cucchiaio di semi di chia
  • Sale rosa
  • Peperoncino q.b.

 

Preparazione

Mettete in ammollo i semi di chia con 3 cucchiai di acqua per almeno 10 minuti. Eliminate le bucce dei ceci se vi danno fastidio in fase di digestione. Frullate i ceci con un piccolo mixer, lavate gli spinacini e cuocete in una padella bassa per qualche minuto: è sufficiente che appassiscano. Strizzate gli spinacini eliminando l’acqua di cottura. In una ciotola mescolate i ceci frullati con i semi di chia aiutandovi con una forchetta. Aggiungete gli spinacini cotti e lo spicchio di aglio spremuto e mescolate bene. Aggiustate di sale rosa. Accendete il forno a 180 gradi. Con le mani formate delle polpettine di circa 2 cm di diametro ed adagiatele su una teglia ricoperta da carta da forno. Infornate e cuocete per circa 15-20 minuti o fino a che le polpettine non risultino leggermente dorate (a metà cottura girare le polpette).

Ideale è aggiungere una passata di pomodoro con peperoncino per decorare le polpette.

 


Leggi anche "Come convivere con un malato di Alzheimer" qui

Leggi anche "Errori al mattino" qui

Leggi anche "La qualità del sonno" qui

Leggi anche “Errori a tavola, cosa e come migliorare” qui

Leggi anche "Gli effetti benifici della Curcuma" qui

Leggi anche "Olivo (Olivum)" qui

Leggi anche "Il Cacao" qui

Leggi anche "Cellulite" qui

Leggi anche "Griffonia Simplicifolia" qui

Leggi anche "Cumino Nero" qui

Leggi anche "Sole, sport, Vitamina D e tintarella" qui

Leggi anche "Biancospino" qui

Leggi anche "I grani Antichi" qui

Leggi anche "Il carciofo" qui

Leggi anche "Il mirtillo" qui

Leggi anche "I luoghi comuni sulla nutrizione" qui

Leggi anche "Ritorno al passato..." qui

Leggi anche "Sport e alimentazione" qui

Leggi anche "Fagioli Azuki" qui

Leggi anche "E tombola sia" qui

Leggi anche "Omega 3" qui

Per saperne di più vai su https://farmacialefornaci.wordpress.com/




Semi di Chia
   
Giulio Lattanzi

Il dottor Giulio Lattanzi è il titolare della farmacia comunale “Le Fornaci” di Marsciano. Negli anni ha fatto della prevenzione, l’informazione e l’educazione alla salute una vera missione di vita. Cura anche un blog https://farmacialefornaci.wordpress.com/

Altro in questa categoria: « Omega 3